VALBIANDINO.NET

Valbiandino.net : notizie dalla Valsassina e non solo...

NUOVA TECNOLOGIA NEI DEPURATORI DI MANDELLO, BARZIO E BALLABIO
Nei depuratori dei comuni di Mandello del Lario e Barzio è stata attivata una nuova tecnologia che permetterà l’avvio del…
Leggi tutto...
SOCCORSO ALPINO VALSASSINA: CONCLUSE LE GIORNATE DI INFORMAZIONE PER RAGAZZI
Si sono concluse ieri le giornate di informazione dedicate ai ragazzi del Camp Rifugio Ratti Cassin dei Piani di Bobbio.…
Leggi tutto...
VENERDI' 26 LUGLIO ALLA BCC VALSASSINA DI CREMENO LA PRESENTAZIONE DELLA 59^ SAGRA DELLE SAGRE
Fissata per venerdì 26 luglio la consueta presentazione alla stampa e ai media della Sagra delle Sagre giunta alla 59^…
Leggi tutto...
VILLA MONASTERO NEL SISTEMA MUSEALE NAZIONALE
Con decreto 488 del 10 giugno scorso del Ministero della Cultura la Casa museo di Villa Monastero a Varenna è stata nuovamente…
Leggi tutto...
GRANDE SUCCESSO A CASARGO PER
Grande successo sabato 13 luglio a Casargo per Le voci delle Alpi, giornata all’insegna della musica e dell’arte organizzata dal Comune…
Leggi tutto...
CALCIO LECCO AL VIA LA STAGIONE 2024/2025
È ufficialmente iniziata con il raduno alle 18 allo stadio Rigamonti-Ceppi la stagione 2024/25 della Calcio Lecco 1912.Il presidente Aniello…
Leggi tutto...
IERI A CREVESTO IL RICORDO DEI GIOVANI DI PRIMALUNA PREMATURAMENTE SCOMPARSI
Si è svolta ieri 14 luglio l'annuale festa alla Croce di Crevesto, sopra l'abitato di Primaluna, a ricordo dei giovani…
Leggi tutto...
CHIARA AIROLDI APPRODA ALL'ATALANTA UNDER 23 (E APRE UN NUOVO CENTRO DI CURE)
La notizia era nell'aria da qualche settimana ma l'ufficialità (con la firma) si è concretizzata solo nei giorni scorsi: la…
Leggi tutto...
RICORDATO A PRIMALUNA DON LUIGI MELESI “L’UOMO DELLA SPERANZA”
Don Luigi Melesi è stato un salesiano di grande importanza, originario di Cortenova. È noto soprattutto per i suoi 30 anni…
Leggi tutto...
VALSASSINA: PRESENTATA LA XXX EDIZIONE DEL GIIR DI MONT
Presentata alla Cascina Trote Blu di Cortabbio la XXX edizione del Giir di Mont, storica gara organizzata dall’A.S.Premana inserita nei caledari…
Leggi tutto...
TUBING A GIUMELLO. UNA RIFLESSIONE DI LUCA ROTA
L’Alpe Giumello è una micro-stazione sciistica dell’alta Valsassina, con due piccoli impianti di risalita dal futuro alquanto incerto ma dotata…
Leggi tutto...
SABATO 13 LUGLIO A PASTURO INCONTRO CON ANDREA VITALI E LA REGISTA PAOLA NESSI
L'associazione Il Grinzone propone a Pasturo il prossimo 13 luglio il film documentario della lecchese Paola Nessi "ANDREA VITALI -…
Leggi tutto...
A CORTENOVA E PRIMALUNA DUE INCONTRI SULLA FUSIONE DEI COMUNI
"Sbrigate" le pratiche amministrative e dato il via ad un processo che vedrà coinvolta anche Regione Lombardia, è giunta l'ora…
Leggi tutto...
DA DUE NONNI UNA LETTERA DI RINGRAZIAMENTO ALL'ASILO VENINI DI INTROBIO
Gentile Direttore di Valbiandino.net, Siamo i nonni di Elia e Raffaele, due bimbi residenti a Milano, ma che stanno trascorrendo…
Leggi tutto...
Pubblicato in Attualita`

IL RAPPORTO TRA UOMINI E CANI

Giovedì, 30 Maggio 2024 08:26 Scritto da  Enrico Baroncelli

Informazioni molto utili e importanti soprattutto per i neo proprietari di cani, ma anche per chi di cani è già esperto, sono state fornite mercoledi pomeriggio dalle due veterinarie Elisabetta Mariani e Rosa Gorio, in un incontro tenutosi per l'Università della Terza Età in Comunità Montana a Barzio.

"Attenzione ai segnali di disagio che i cani possono trasmettere - raccomandano le due dottoresse - che a volte possono sfociare sì in atteggiamenti aggressivi e persino pericolosi. Un cane non è mai aggressivo se si trova a suo agio, se si sente ben accolto con un suo ruolo specifico in famiglia. Per esempio prendersi un cane e lasciarlo subito in casa tutto il giorno da solo non è una buona idea : molte volte si mette ad abbaiare per la solitudine, con grave irritazione dei vicini ! Soprattutto all'inizio bisogna prendersi del tempo per una reciproca conoscenza, e stare con lui il più possibile.
Il cane è un animale sociale, come noi uomini, ha bisogno di compagnia. Il rapporto tra uomini e cani è antichissimo: risale circa a 45.000 anni fa, quando i cani vennero "adottati" dagli uomini sia per difendere le loro case che per difendere greggi e animali".

"Scegliere di prendersi un cane - e noi siamo chiamate spesso ad aiutare in questa scelta - è una bella responsabilità. Bisogna garantire le condizioni adatte a lui e al suo padrone. Per esempio scegliere un cane da pastore, un "cane da villaggio", abituato a correre per larghi spazi in campagna o in montagna, e lasciarlo sempre chiuso in un appartamento cittadino non è una buona idea.
Le nostre città sicuramente non sono adatte alla vita dei cani: una volta questi scorrazzavano per i cortili delle fattorie, in condizioni di libertà, pur sapendo benissimo quali erano i loro padroni."

"Un cane può dare molto , soprattutto agli anziani (non a caso si parla di Pet Terapy) è un affetto e una sicurezza. E non è vero che occorre prendere un cane giovane, che spesso è irruente, corre molto e morde oggetti perchè deve assimilare con la bocca ciò che gli sta intorno, in una sorta di "esplorazione orale" che dura fin quasi ai tre anni. Spesso invece è proprio vero il contrario: un cane anziano, con una sua storia e una sua maturazione alle spalle, si adatta al nuovo padrone, cammina tranqulalmente con lui, non "strappa", è più tranquillo e abitudinario, è insomma una ottima compagnia per le persone anziane", in un situazione di perfetto "allineamento" (cane anziano padrone anziano)".

"Il cane quasi sempre capisce i nostri gesti e persino le nostre parole: un cane che non ascolta è un cane che non è ascoltato."

Le dottoresse hanno poi fatto vedere dei brevi filmati sui comportamenti dei cani tra di loro, per evidenziare segnali di fastidio, di comunicazione con i gesti, di reciprocità.
Nonostante tutto c'è ancora un 80 % dei cani nel mondo che sono "vaganti" (termine più preciso che non "randagi"). Questi non sono pericolosi nè aggressivi, sviluppano delle dinamiche loro interne.

Ultima annotazione: mai lasciare i cani da soli con i bambini. Possono infatti diventare aggressivi in conseguenza di qualche atto espresso inconsapevolmente dai bambini, come toccarli in modo per loro fastidioso, fare dei gesti che possono essere irritanti (per esempio le dita negli occhi) o interpretati male.

Insomma , un pomeriggio molto interessante che ha lasciato molto soddisfatti i soci che vi hanno partecipato: molte di queste nozioni sono poco note , e il lavoro delle due dottoresse è sicuramente meritorio !

Enrico Baroncelli

Ultima modifica il Giovedì, 30 Maggio 2024 08:27
Letto 123 volte