VALBIANDINO.NET

Mercoledì, 13 Gennaio 2021 17:14

LA PROTESTA DI BAR E RISTORANTI

“Programmazione, chiarezza e ristori adeguati e immediati sono le urgenze per far sopravvivere un settore importante”.

“Ristoranti e bar chiedono di poter tornare a lavorare basandosi su quanto era stato deciso fin dall’inizio dal Ministero della Salute e dal Comitato Tecnico Scientifico. Avevano infatti previsto tutta una serie di requisiti e protocolli sanitari per l’intera categoria affinché potessero continuare a operare in piena sicurezza. A questo punto, c’è da capire se il Governo vuole smentire sé stesso oppure è semplicemente contro i ristoratori“.
Lo ha dichiarato l’assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia, Guido Guidesi in merito alla protesta di alcuni ristoratori e commercianti. Gli imprenditori hanno annunciato per venerdì 15 gennaio l’apertura delle loro attività nonostante i divieti previsti dall’attuale Dpcm.

“Dall’Esecutivo – ha detto ancora l’assessore – serve assoluta chiarezza su aperture ed eventuali chiusure. Il Governo non può continuare a cambiare decisioni ogni settimana in quanto, così facendo, si creano ulteriori disagi a tutto il comparto già flagellato dagli effetti di questa crisi pandemica. Decidere chi può lavorare e chi no, dall’oggi al domani, con cambiamenti continui, crea ulteriori problemi economici. Il settore ha la necessità di programmare le sue attività senza dover rischiare di sprecare le forniture con un conseguente aggravio economico”.

 

Leggi tutto...
Mercoledì, 13 Gennaio 2021 12:18

BARZIO: IL SINDACO INTERVIENE SULLA PULIZIA DELLE STRADE DOPO LE NEVICATE

Il sindaco Arrigoni Battaia risponde alle critiche sull’intervento di mezzi spalaneve e spargisale in occasione delle recenti precipitazioni nevose Ma ricorda anche i doveri dei cittadini nella pulizia delle vie, con un richiamo al buonsenso di tutti. 

Lasciate alle spalle le festività natalizie, quest’anno caratterizzate dalle restrizioni dovute all’emergenza sanitaria ma anche dalle copiose nevicate, l’Amministrazione comunale di Barzio punta l’attenzione proprio sulle condizioni meteo e sulle polemiche scaturite in paese in merito alla pulizia delle strade, durante e dopo le nevicate. “Ora che la situazione sta tornando alla normalità e che gli addetti stanno procedendo alla rimozione dei cumuli di neve dai marciapiedi e dai posteggi, facendo riferimento anche a una lettera ricevuta da un concittadino, desidero chiarire alcune questioni importanti sulla pulizia delle strade dalla neve – afferma il sindaco Giovanni Arrigoni Battaia - Innanzitutto va chiarito che il servizio di pulizia delle strade non viene svolto direttamente dai dipendenti del Comune, ma dal personale delle ditte che sono incaricate di svolgere il servizio. Per lo svolgimento di tale servizio i mezzi spazzaneve procedono alla pulizia occupandosi in primo luogo delle vie principali e successivamente delle vie secondarie per un totale di diversi chilometri di percorrenza. Se si pensa alla tipologia della rete viaria di Barzio, non è difficile comprendere che un tale servizio non può essere svolto rapidamente, ma richiede ore di lavoro”. Alcuni hanno lamentato la pulizia parziale delle vie e delle piazze, nei giorni in cui ci sono state le nevicate. “Anche in questo caso invito alla riflessione per comprendere che quando è in atto una nevicata (soprattutto se intensa come quelle recenti) è praticamente impossibile garantire la pulizia totale e immediata di tutte strade – continua il sindaco - Ci sono stati momenti in cui, dopo solo mezz’ora dal passaggio degli spazzaneve, le vie erano già imbiancate. Altro argomento è la formazione di ghiaccio o di uno strato di neve dura, compatta e scivolosa sul fondo stradale. I meno attenti e/o i più polemici hanno affermato che non è stata effettuata la salatura. Dichiarazione non rispondente al vero, in quanto anche questo servizio è stato garantito. Con questo non sto dicendo che tutto sia stato perfetto, ma non accetto che questa Amministrazione venga tacciata di incompetenza, soprattutto con paragoni ad Amministrazioni del passato. In questi giorni ho consultato l’archivio fotografico del sito www.meteobarzio.it e ho potuto constatare che anche in occasione di forti nevicate del passato (per citarne una, la stagione 2012/13), la situazione è stata molto simile a quella che si è verificata nei giorni scorsi. In questo modo non voglio scaricare responsabilità, ma solo far comprendere a tutti che non sempre è facile intervenire quando le condizioni meteo sono particolarmente avverse”. Chiarito ciò, il sindaco ricorda che garantire la pulizia delle strade è un impegno che tocca al Comune, ma non solo. “Mi permetto di rammentare che la pulizia dalla neve delle strade e dei marciapiedi non è compito esclusivo del Comune, ma spetta anche ai cittadini, così come stabilito dal regolamento di Polizia urbana comunale (che è in vigore dal lontano 1938) – afferma Arrigoni Battaia – Nel dettaglio è specificato che “indipendentemente da quanto viene eseguito a cura e spese del Comune, non più tardi di dodici ore dopo la caduta della neve, allo scopo di ristabilire la libera circolazione, ogni proprietario o inquilino è tenuto a effettuare lo sgombro, lungo la fronte della propria casa o giardino fino a metà larghezza se verso strada; e fino a due metri se verso piazza”. Il regolamento prevede anche che i proprietari o gli inquilini rimuovano eventuali formazioni di ghiaccio venutesi a creare davanti la propria casa o candelotti di ghiaccio creatisi su gronde e balconi; e che provvedano a sgombrare balconi e davanzali prima o durante la spazzatura della via. Sarebbe bello che tutti rispettassero queste indicazioni, così da creare una fruttuosa collaborazione a beneficio dell’intera comunità”. Concludendo il suo intervento, il primo cittadino si rivolge ancora ai concittadini e ai villeggianti: “Mi permetto di fare un appello al buon senso di tutti, affinché in caso di nuove nevicate affrontino le uscite in auto con appropriate dotazioni (pneumatici da neve e/o catene), ma anche con adeguate calzature. Si tratta di semplici accorgimenti, ma che possono contribuire a evitare incidenti dalle conseguenze anche gravi”.

Leggi tutto...
Mercoledì, 13 Gennaio 2021 12:01

QUALITA' DELL'ARIA IN MIGLIORAMENTO SU BASE PLURIENNALE

Qualità aria 2020 Lombardia: su base pluriennale continua a migliorare. Rispettato il valore limite medio annuale di 40 µg/m³ di particolato (Pm10). I dati confermano che il traffico non è la principale causa dell’inquinamento, anche a fronte del lockdown e del blocco della mobilità per il Coronavirus.

Questi sono alcuni dei dati presentati dall’assessore all’Ambiente e Clima della Regione LombardiaRaffaele Cattaneo, durante la conferenza stampa di presentazione dei dati sulla qualità dell’aria. Nell’occasione presentato il ‘pacchetto’ di incentivi da 100 milioni di euro messo a punto dalla Regione.

All’incontro sono intervenuti il presidente dell’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente (Arpa) Stefano Cecchin e il dirigente Guido Lanzani.

“Nel 2020 sul il territorio regionale – ha spiegato Cattaneo – è stato rispettato per il Pm10 il valore del limite medio annuo di 40 µg/m³. I dati sono comunque sorprendenti perché il lockdown, con il conseguente blocco del traffico veicolare, non ha portato a una significativa diminuzione dei giorni di superamento del valore limite giornaliero (50 µg/m³). Al contrario c’è stato un leggero incremento rispetto al biennio precedente, per il prevalere di fattori meteorologici negativi. Questo a dimostrazione che il traffico non è la principale causa dell’inquinamento”.

“In effetti – aggiunge Cattaneo – nei mesi di gennaio, febbraio e novembre le precipitazioni sono state addirittura inferiori ai valori minimi degli ultimi 15 anni. Questo ha creato situazioni particolarmente sfavorevoli alla dispersione degli inquinanti e in diverse centraline è stato superato il numero dei 35 giorni, sebbene in misura variabile a seconda delle città. Non a caso i superamenti dei valori del Pm10 si sono concentrati soprattutto in questi mesi”.

“L’analisi – ha sottolineato Stefano Cecchin – è frutto di un lavoro complesso. Diversificato in base al contesto ambientale: traffico, industriale e di fondo. E in base alle sostanze, monitorate h24, 365 giorni l’anno”.

Si tratta di: No2 (biossido di Azoto), So2 (Ossido di Zolfo), Co (Monossido di Carbonio), O3 (Ozono), Pm10 (particolato con diametro inferiore ai 10 micron), Pm2.5 (particolato con diametro inferiore ai 2.5 micron) e benzene.

I livelli di No2 (biossido di Azoto quelli più direttamente riferibili al traffico veicolare) risultano i più bassi di sempre, con superamenti della media annua limitati a poche stazioni, quelli di Pm10 rispettano ovunque la media annuale, ma superano anche nel 2020 in modo diffuso i limiti sul numero massimo di giorni oltre la soglia di 50 µg/m3. I superamenti del Pm2.5 sono circoscritti a un numero molto limitato di stazioni del programma di valutazione, mentre benzene, monossido di carbonio e biossido di zolfo sono ampiamente sotto i limiti. L’ozono, invece, ha fatto registrare un numero inferiore di sforamenti delle soglie d’informazione e di allarme rispetto agli anni precedenti, pur con un quadro di diffuso superamento degli obiettivi previsti dalla normativa per la protezione della salute e della vegetazione.

“Siamo in un trend complessivamente positivo – ha concluso Cattaneo – e in miglioramento su base pluriennale. Quanto ho detto prima conferma la complessità del tema della qualità dell’aria. Talvolta risulta addirittura contraddittorio e necessita di un quadro di interventi che agiscano su una molteplicità di fattori. Dalla mobilità al riscaldamento domestico, dalle limitazioni delle emissioni in agricoltura alla riduzione dei fattori che determinano la formazione di particolato secondario in atmosfera”.

Leggi tutto...
Mercoledì, 13 Gennaio 2021 08:38

SOLIDARIETA' ALLA CROAZIA: DOMANI SI CARICA!

Terminata la raccolta, adesso è il tempo della spedizione. Domani pomeriggio verrà caricato il camion che nella notte partirà per Petrinja.

Il grande sforzo di solidarietà dei Valsassinesi (e non solo, visto che provvidenziali aiuti sono arrivati anche da Lecco e dalla Brianza) per andare incontro alle esigenze delle popolazioni colpite dal terremoto dello scorso 29 dicembre in Croazia, avrà il suo momento conclusivo domani nel pomeriggio quando all'oratorio di Introbio verrà caricato il trasporto che nella nottata partirà alla volta dei Balcani.

L'iniziativa della famiglia Mitrovic e della Parrocchia (che ha subito trovato una importante sponda nell'Amministrazione Comunale introbiese) non si concluderà però domani, visto che è ancora aperta la possibilità - sino al 31 gennaio - di effettuare versamenti sul conto corrente sul conto della parrocchia mettendo nella causale “Terremoto Croazia” (IBAN: IT66A0851551360000000200223 – Banca della Valsassina).

Ancora una volta il nostro territorio ha risposto con grande generosità, così come aveva fatto negli anni scorsi per altri eventi drammatici sia in Italia sia all'estero, dando dimostrazione di essere terra fertile di solidarietà e accoglienza.

Il fatto che nonostante la pandemia - e le festività in corso - in così tanti abbiano avuto il cuore di pensare a chi sta peggio rappresenta indubbiamente un meraviglioso segnale di speranza per tutti noi, un segnale che nel fine settimana verrà lanciato anche a Petrinja.

A questo link un interessante articolo di aggiornamento della situazione: Terremoto in Croazia: la "cura dell'ascolto" per i terremotati di Petrinja e Sisak | AgenSIR

 

 

Leggi tutto...
Mercoledì, 13 Gennaio 2021 06:06

UN APPELLO PER LA SCUOLA: VACCINARE PRIMA TUTTI I DOCENTI

Confermato dal Governo,  dall`11 Gennaio gli alunni delle Scuole Superiori  in alcune Regioni sono tornati alla didattica in presenza (alle Medie ed Elementari i ragazzi sono gia` tornati dal 7 ,in Lombardia le Superiorii sono state posticipate al 25 Gennaio).
“In sicurezza”, cosi` e` stato detto perche` gli alunni entreranno in orari scaglionati prima al 50% e dopo una settimana al 75%.

Leggi tutto...
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.