VALBIANDINO.NET

Valbiandino.net : notizie dalla Valsassina e non solo...

Sabato, 11 Settembre 2021 07:03

IL VIRUS CHE TI ACCORCIA LA VITA

«Due cose sono infinite, l’universo e la stupidità umana, ma sull’universo ho ancora dei dubbi». Non vi basta l’opinione di Einstein? Allora passiamo ad un testo “autorevole”: “Stultorum infinitus est numerus” (“infinito è il numero degli stolti”). Se su un punto sono d’accordo un grande scienziato del XX secolo come Albert Einstein, e un eccelso traduttore (dal greco al latino) della Bibbia, come Gerolamo, può significare solo una cosa: gli stupidi popolano davvero in gran copia il mondo come dimostra con chiarezza la presenza in quelle file anche dei no vax. A sufficiente anche se non necessaria dimostrazione dell’assunto arrivano alcune cifre che mostrano come i dati e gli indici della pandemia da coronavirus, in Lombardia, tornino a salire: in due giorni, dal 7 al 9 settembre, il tasso di contagio è più che raddoppiato passando dallo 0,6 all’1,9 % con un aumento dei contagi che da 510 salgono a 663, tredici dei quali nel Lecchese.

Anche se i numeri nazionali inducono maggior ottimismo, visto che dall’1 al 7 settembre, per la prima volta dopo 9 settimane, è stato registrato un calo del 12,5 % dei positivi al coronavirus rispetto ai sette giorni precedenti. Colpisce, soprattutto, la tragica vicenda della trentanovenne antivaccinista convinta di Piancogno, nel Bresciano, madre di due bambini, uccisa dal covid in ospedale dopo 15 giorni dalla manifestazione dei primi sintomi. Anche la madre è grave. Non stupiscono, invece, gli esiti della retata effettuata ieri (9 settembre 2021) in Lombardia contro le frange estreme di no vax che puntavano a lanciare bottiglie molotov per “far saltare i furgoni delle tv” come ha riferito la Digos di Milano. Otto “guerrieri” no vax sono così stati denunciati per istigazione a delinquere. Nelle abitazioni di uno di costoro sono state trovati un fucile e una pistola mitragliatrice. Insomma anche se i dati dimostrano come il tasso di mortalità fra i non vaccinati sia incomparabilmente più elevato che fra coloro che si sono sottoposti all’inoculazione, le schiere di quelli che “il covid non esiste” o che “il vaccino ci ucciderà tutti” continuano a produrre sciagurate leggende e conseguenti decessi. Ma altri, preoccupantissimi dati, indicano la gravità della situazione pandemica.

L’Istat, qualche giorno fa, ha pubblicato le analisi statistiche relative agli indicatori del “Benessere equo e sostenibile dei territori”. Dalle cifre emerge un quadro allarmante visto che, come si legge nel report, “Nel 2020, la diffusione della pandemia da Covid-19 e il forte aumento del rischio di mortalità che ne è derivato ha interrotto bruscamente la crescita della speranza di vita alla nascita che aveva caratterizzato il trend fino al 2019 facendo registrare, rispetto all’anno precedente, una contrazione pari a 1,2 anni. Nel 2020, l’indicatore si attesta a 82 anni (79,7 anni per gli uomini e 84,4 per le donne.” Che la contrazione della speranza di vita sia strettamente correlata all’azione di Sars Cov 2, sembra non esistano dubbi. Con buona pace dell’ottuso antivaccinismo (da Bar sport, Facebook, Instagram o curva sud non fa alcuna differenza). Infatti le province più colpite dalla contrazione della prospettiva di vita coincidono con le aree nelle quali la Covid 19 ha colpito con maggiore durezza: Bergamo, Cremona e Lodi (uomini -4,3 / -4,5 anni; donne -3,2 / -2,9 anni). A Lecco va meglio poiché la speranza di vita si è ridotta mediamente di “soli” 2,2 anni di media passando da 84,4 a 82,1 anni: maschi 79,7; donne 84,7 in un contesto in buona sostanza sovrapponibile a quello nazionale.
qui il documento da scaricare


L’Istituto superiore di sanità, inoltre, ha prodotto (9 settembre 2021) un grafico nel quale si riportano le percentuali di casi di COVID-19 segnalati in Italia negli ultimi 30 giorni riferiti alla classe di età (il dato si riferisce a 165.996 casi).

Come si vede si ammalano in maggior misura le classi più giovani, da 0 a 50 anni che risultano anche quelle con un minor numero di vaccinazioni. Mentre le categorie di età da 51 a oltre 70 anni, che esprimono la parte più immunizzata della popolazione di riferimento, rappresentano appena il 26,99 % (contro il 73,1) dei casi di Covid 19. qui altri dati e grafici
Nonostante queste cifre, molti antivaccinisti continuano a sostenere che i vaccini sono inutili. Si tratta evidentemente di malafede o, più probabilmente, di soggetti con preoccupanti deficit cognitivi. Non c’è peggior sordo di chi non vuol (o non può) sentire. Siamo quasi stanchi di ripeterlo: l’unica soluzione a questo tsunami pandemico planetario è la vaccinazione. Tenetevi pronti: la terza dose di vaccino è alle porte.

Leggi tutto...
Sabato, 11 Settembre 2021 06:59

SUPERATI I 100.000 VISITATORI ALL`ORRIDO DI BELLANO

Oggi festa grande!!
Davide 25 anni e Martina 23 anni di Milano hanno vinto il weekend a Bellano per due persone!
È Davide il 100.000esimo visitatore dell’Orrido di Bellano di questa fantastica annata!!
(qui insieme al Sindaco Antonio Rusconi)
Quanti saranno i visitatori del 2021?!? Si accettano pronostici!

Leggi tutto...
Sabato, 11 Settembre 2021 06:39

ANNULLATO:L`assessore all`Agricoltura Mercoledi 15/09 in Comunita` Montana

in Eventi

ANNULLATO:

per impegni urgenti sopraggiunti, l’Assessore regionale All’agricoltura, Alimentazione E Sistemi Verdi Fabio Rolfi, è stato purtroppo costretto ad annullare l’appuntamento previsto per domani mercoledì 15 settembre 2021.




VISITA DELL’ASSESSORE REGIONALE ALL’AGRICOLTURA, ALIMENTAZIONE E
SISTEMI VERDI – DOTT. FABIO ROLFI
Il prossimo mercoledì 15 settembre, alle ore 10.30 presso la Sala Polifunzionale della sede della Comunità
Montana, si svolgerà un momento di confronto sulle tematiche di competenza dell’Assessorato Agricoltura,
Alimentazione e Sistemi Verdi di Regione Lombardia con la partecipazione dell’Assessore Regionale Dott.
Fabio Rolfi.

Leggi tutto...
Sabato, 11 Settembre 2021 06:29

Giovedì 16 settembre riapre il Nuovo Aquilone

in Cultura

Quattro serate di proiezioni e ospiti speciali per l’inizio dell’attività ordinaria del cinema del centro di Lecco chiuso da quarant’anni.

Il prossimo fine settimana rappresenterà per il Nuovo Aquilone una sintesi della programmazione ordinaria che in questo modo inizia in modo continuativo.

L’avvio delle proiezioni sarà il 16 settembre alle ore 21 e sarà la serata in cui verrà evidenziato il senso della presenza della sala e il ruolo che avrà per la comunità cristiana.

Verrà proiettato un grande capolavoro d’autore “Fratello, dove sei?” di Joel e Ethan Coen, interpretato tra gli altri da George Clooney e John Turturro. Il nuovo Aquilone infatti proporrà film in prima visione senza dimenticare le opere più significative del passato.

Ospite della prima serata Francesco Ranieri Martinotti, presidente di Anac, l’Associazione Nazionale Autori Cinematografici che consegnerà il premio Carlo Lizzani (assegnato al Nuovo Aquilone in occasione della 78° Mostra internazionale del cinema di Venezia) ai veri vincitori, i 100 volontari della sala.

Venerdì 17 settembre sarà ospite al Nuovo Aquilone Gianni Amelio con il suo ultimo film “Hammamet”, interpretato tra gli da Piefrancesco Favino. Questa serata evidenzierà una seconda dimensione della sala: la possibilità per il pubblico di dialogare con i grandi maestri e attori del cinema.

Sabato 18 - in anteprima italiana (nel resto delle sale il film andrà a fine ottobre) - verrà presentato “L’uomo che vendette la sua pelle”, di Kaouther Ben Hania. In collegamento ci sarà l’attore protagonista (insieme con Monica Bellucci) Yahya Mahyni. Questo terzo appuntamento mostra come il Nuovo Aquilone spesso sarà protagonista del panorama italiano proiettando i film in anteprima, scelto da registi e produzioni come luogo in cui far debuttare in Italia le proprie opere.

Infine domenica 19 settembre, con ospite sul palco nel Nuovo Aquilone Sabrina Guzzanti con il suo film presentato in questi giorni al festival di Venezia “Spin time, che fatica la democrazia!”, un lavoro che mette al centro temi di attualità come la casa, la giustizia, la carità e il patto sociale. È la nuova sala cinematografica di Lecco non mancherà di ragionare sui temi che animano la vita del nostro Paese.

Per prenotare il proprio posto in sala e per restare aggiornati sui programmi delle proiezioni www.aquilonelecco.it.

Sempre sul sito è possibile anche iscriversi alla newsletter che settimanalmente informerà sull’attività del Nuovo Aquilone.

Leggi tutto...
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.