VALBIANDINO.NET

Valbiandino.net : notizie dalla Valsassina e non solo...

Giovedì, 16 Giugno 2022 16:15

L'ARCIVESCOVO A CORTENOVA PER RICORDARE MONS. ACQUISTAPACE

Domani, domenica 19 giugno, l'Arcivescovo di Milano Mario Delpini sarà in visita a Cortenova in occasione della festa dei Santi Gervaso e Protaso.

Alle ore 10 celebrerà la Santa Messa solenne e poi in corteo raggiungerà il cimitero per la benedizione del nuovo monumento di Monsignor Lazzaro Acquistapace.

Mons. Acquistapace nacque a Crevoladossola l'11 maggio del 1896 e fu ordinato sacerdote dal Cardinale Ferrari il 29 maggio del 1920.

Visse per parecchi anni a Roma dove svolgeva opera presso l'Agenzia Fides di propaganda Fide.

Molto legato a Cortenova, nel 1933 fece dono alla parrocchia della nuova via crucis; nel 1955 contribuì in modo tangibile al rifacimento dell'organo.

Inoltre altre opere videro il suo contributo da pensionato. Per sua espressa volontà, nel 1955, anche per problemi di salute, venne a passare più tempo a Cortenova.

Morì a Roma il 25 giugno 1956 a soli 60 anni (qui sotto un'immagine dei suoi funerali cortenovesi).

77937a41 00a2 4b88 8a17 0fc4a37ffbb7

 

Leggi tutto...
Giovedì, 16 Giugno 2022 14:50

LA TENSOSTRUTTURA DI BARZIO VERRA' RIFATTA

RIFACIMENTO DELLA TENSOTRUTTURA DI VIA PROVINCIALE: LA GIUNTA HA APPROVATO IL PROGETTO PRELIMINARE ED A BREVE IL DEFINITIVO PONTICELLO AI NOCCOLI: I LAVORI PER RENDERLO CARRABILE AL VIA AL TERMINE DELLA STAGIONE ESTIVA

La Giunta del sindaco Giovanni Arrigoni Battaia ha approvato il progetto preliminare (a breve il definitivo) per il rifacimento della tensostruttura di via Provinciale.
Progetto da oltre un milione di euro (400mila finanziati da Regione Lombardia), che prevede due lotti: il primo da 900mila euro per la realizzazione della nuova struttura in legno e acciaio; il secondo, da 145mila euro per le modifiche e la messa in sicurezza degli argini del torrente Fiumetta, oltre che per la posa degli impianti termico e solare fotovoltaico.

“La tensostruttura è destinata a diventare una struttura strategica per Barzio, ciò significa che non sarà solo un luogo adatto per ospitare eventi e manifestazioni in tutti i peridi dell’anno, ma anche un punto di riferimento in caso di emergenze - spiega il sindaco - I costi elevati dell’intervento dipendono anche da questo elemento. Infatti, alla semplice struttura coperta, andranno ad aggiungersi alcuni locali accessori come bagni, deposito e locale utilizzabile a cucina. Non bisogna poi scordare che l’attuale situazione internazionale ha comportato un notevole aumento delle materie prime e pure ritardi nelle consegne dei materiali. Fatto, quest’ultimo, che potrebbe incidere negativamente sui tempi di realizzazione dell’opera”.

La speranza dell’Amministrazione comunale sarebbe di veder conclusi i lavori entro la prossima estate, ma le incognite sono ancora troppe per poter fornire un crono-programma certo.
“Sarebbe positivo anche solo poterla utilizzare per le manifestazioni, completando in seguito le opere accessorie. Dobbiamo augurarci che la situazione migliori”, prosegue Arrigoni Battaia, che aggiunge: “Dopo l’approvazione del progetto preliminare e definitivo, il passo successivo è l’ottenimento dagli enti superiori delle necessarie autorizzazioni ed a seguire l’affidamento dell’incarico per la stesura del progetto esecutivo. Ultimata questa fase, si stima a metà ottobre, potremo partire con i bandi di gara”.

In attesa di dare il via a questa importante opera, in Comune è tutto pronto per dare il via a un altro intervento atteso da tempo: il rifacimento del ponticello ai Noccoli, che dalla strada antistante il Palazzetto dello sport conduce all’area dei campi da tennis.

“La gara di appalto è stata chiusa e i lavori potranno essere avviati a breve. Attenderemo comunque la fine della stagione estiva per non creare disagi agli utenti di quest’area - spiega, infine, il primo cittadino - Il nuovo ponticello sarà carrabile con portata adeguata a sopportare il passaggio dei veicoli, inoltre avrà un passaggio pedonale. Questa struttura potrà essere utile durante la stagione invernale, ma anche in vista del prolungamento della pista ciclabile che dal fondovalle salirà in Altopiano. L’opera sarà finanziata con fondi derivanti dal PNRR per un totale di 100mila euro”
Questa amministrazione, come promesso, sta dimostrando con i fatti il suo impegno per Barzio, le parole le lasciamo ad altri.

Leggi tutto...
Giovedì, 16 Giugno 2022 10:50

GIULIA, SERENA E ALESSIA IN MISSIONE CON IL PIME IN THAILANDIA

Con questo post vogliamo invitare tutti a sostenere Alessia Paroli (una ragazza di Introbio) che con altre due giovani partiranno a breve per una missione in Thailandia.
Vi invitiamo a leggere le locandine dove le ragazze spiegano nel dettaglio l’impegno che andranno ad affrontare.
Un grande in bocca al lupo a queste ragazze augurandoci che la loro scelta possa essere un esempio da seguire.
 
loc2loc3
Leggi tutto...
Giovedì, 16 Giugno 2022 08:21

UNA PRIMA ASCENSIONE ASSOLUTA PER URUBKO E CARDELL IN KARAKORUM

Nel selvaggio Karakorum continua l'avventura di Denis Urubko e Pipi Cardell, che il 13 giugno hanno raggiunto una cima di 5975 metri nei pressi del #KoserGunge (6400 m) nella #ShigarValley a nord di #Skardu.

Secondo la gente del posto potrebbe trattarsi della prima ascensione assoluta della montagna: una vetta non difficile ma insidiosa, con un'inaggirabile cornice finale che cedendo sotto i piedi di Denis – prontamente trattenuto da Pipi – ha procurato ai nostri un discreto spavento.
 
Dalla cima, come sogni tra le nuvole, sono sbucati il fantastico #Rakaposhi (7788 m) e il #BroadPeak (8047 m) dove nel 2005, con #SergeySamoilov, Urubko ha firmato un'incredibile via nuova sulla parete sudovest.
 
urub2urub3urub4urub5
Leggi tutto...
Giovedì, 16 Giugno 2022 08:11

DUBBI SUL COMPLETAMENTO DELLE OPERE "OLIMPICHE" IN VALTELLINA

Il dossier dell’Aci di Sondrio in cui si dice che delle infrastrutture stradali e ferroviarie perviste per le Olimpiadi 2026 solo il 25% e il 50% verrà ultimato in tempo, non è nemmeno nelle disponibilità della Regione.
Lo ha detto ieri mattina, in consiglio regionale, il sottosegretario allo Sport Antonio Rossi, rispondendo a una interrogazione del Gruppo regionale del Pd.
“Volevamo sapere quali valutazioni e considerazioni Regione ha fatto in merito al dossier e quali azioni concrete intenda intraprendere rispetto alla questione per evitare che un’opportunità come quella offerta dalle Olimpiadi 2026, venga sprecata – commenta il consigliere Raffaele Straniero, firmatario dell’interrogazione – Ma al di là di una sorta di cronoprogramma delle opere, già stabilito da tempo ai vari livelli, la Giunta non solo ha ammesso di non avere in mano il dossier, ma ha anche riconosciuto di non saper rispondere alle preoccupazioni espresse dall’Aci e, a questo punto, dal territorio”.
Insomma, per il consigliere PD il vero tema è che “già la società Milano-Cortina è stata avviata in ritardo, ma poi non ci si è messi a correre davvero. Prendiamo per buone le date che stamattina ci sono state lette e che definiscono il percorso per le opere infrastrutturali olimpiche, ma abbiamo anche annunciato che chiederemo subito un’audizione dell’Aci di Sondrio in Commissione Trasporti per capire realmente come stanno le cose”.
Quindi, l’invito di Straniero e del Pd è a “non farsi prendere dallo sconforto, ma a operare una più precisa vigilanza, assumendo un impegno serio affinché i tempi vengano rispettati. Non possiamo permetterci i ritardi accumulati come per la società. Accendiamo davvero un faro su questo grande evento e questa parte di progetti che ne sono alla base”.
 
Leggi tutto...
Giovedì, 16 Giugno 2022 07:57

QUELLA INDECOROSA, PERICOLOSA E PENOSA "ROUTE 65"

Oggi mentre salivo dalla strada di Bellano mi sono trovato davanti questo (presumo turista) tedesco.
Audi A6 nuova di pacca. Già soffrivo per cerchi e sospensioni della mia a causa delle voragini che ci sono in strada e mi immagino lui per la sua. 
Per non parlare di piante a sbalzo, sassi pericolanti e ringhiere arrugginite.
Ora, non voglio fare polemica e non pretendo nemmeno di smuovere le coscienze di qualcuno per poter risolvere il problema.. tanto si sa che in Italia la colpa non è mai di nessuno.. però io mi dico: quella strada, per chi arriva dalla 36, è la porta della Valsassina, il biglietto da visita, la prima cosa che vedono i “turisti”!!!
Ma non abbiamo un minimo di vergogna?
 
route 680x300
 
Io onestamente da italiano mi sentivo in colpa nei confronti di quel tedesco e la cosa che fa incazzare di più è che siamo dissanguati dalle tasse per non avere niente in cambio.
Ci si chiede perché la gente se ne sbatte della politica? Forse questa è una delle risposte, la politica in Italia è lontana anni luce dai problemi della gente, si parla di turismo quando non siamo in grado di tagliare l’erba a bordo strada o cambiare una ringhiera arrugginita da 30 anni, è evidente che amore per il territorio non ce n’è, ma mi chiedo, un minimo di vergogna non la prova nessuno?
Perché io ripeto, onestamente oggi mi sono vergognato nei confronti di quel tedesco.
 
Nota della Redazione: come noto, il tratto di strada fra la SS36 e Portone (e poi sino a Parlasco e poi ancora sino a Esino) è passato dal 3 maggio 2021 nella competenza dell'ANAS (infatti è la Statale 753) e viene addirittura pubblicizzato come "panoramico" (niente da eccepire) e sotto il pomposo nome di "Route 65" alla moda americana. La segnalazione di Stefano Comparoli si aggiunge a tante altre che denunciano lo stato pietoso e indecoroso di quello che, come giustamente affermato, è uno dei "biglietti da visita" della Valsassina.
Leggi tutto...