VALBIANDINO.NET

Valbiandino.net : notizie dalla Valsassina e non solo...

Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Benvenuti sul nostro forum Valbiandino.net

In questo spazio puoi inserire Comunicati e commenti vari (nel rispetto della Netiquette).
Grazie a tutti per la collaborazione

ARGOMENTO:

A PROPOSITO DEI CINGHIALI 14/07/2021 10:01 #455

  • Associazione Gabbie Vuote Firenze
  • Avatar di Associazione Gabbie Vuote Firenze Autore della discussione
Perchè non scrivete che se i cinghiali sono tanti e tanto confidenti è "merito/demerito" dei cacciatori e dei politici accondiscendenti, non dei cinghiali che  certo non sono venuti in Italia per farsi ammazzare ?

Perchè non dite che i cacciatori hanno portato alla quasi estinzione il cinghiale autoctono e, per accontentare il loro orgasmo di morte, hanno importato la specie alloctona dall'est Europa, l'hanno ibridata con i maiali, devastato l'habitat e, con la caccia che si protrae per tutto l'anno, aumentato il numero (vi sembrerà assurdo ma è proprio così basta leggere il libro di Franco Nobile - medico, docente, cacciatore - ) in quanto "la causa principale dei danni all'agricoltura (e, aggiungiamo noi, dell'apparizione tra i rifiuti in periferie cittadine) più che in una eccessiva densità, sta in una cattiva struttura sociale dei branchi, troppo ricchi di soggetti giovani che vengono respinti dagli anziani dominanti....." e questa cattiva struttura sociale deriva dalla caccia che destruttura i gruppi rendendoli più proliici  www.gabbievuote.it/caccia-al-cinghiale---relazione.html

Coldiretti calcola, a occhio e, naturalmente, secondo convenienza visto che il noto biologo Luigi Boitani asserisce l'inesistenza di censimenti  scientifici, che i cinghiali "abbiano raggiunto la cifra record di 2.3 milioni di esemplari".

Si legge anche che "la fauna selvatica è proprietà dello Stato e lo Stato non può creare danni ai privati". Strano, lo Stato regala la sua fauna selvatica ai privati cacciatori e i privati cacciatori possono creare danno ai privati cittadini non cacciatori e contrari (80%) sterminando gli animali (100 milioni ogni anno), distruggendo l'equilibrio biologico, invadendo le proprietà private (art. 842 C.C.), disperdendo piombo veleno potentissimo che l'Italia si era impegnata ad eliminare dalle cartucce entro il 2017 (Conferenza di Quito), ferendo e uccidendo per sport, oltre cento esseri umani ad ogni stagione (Ass. Vittime della Caccia) senza che nessun sussulto di orrore pretenda l'emissione di una legge per omicidio venatorio (come per l'omicidio stradale).....e, soprattutto, che il divertimento alimenti una strage vergognosa che conserva l'impronta della preistoria nel 21mo secolo quando si cammina verso un futuro evoluto e tecnologico.

Dove dimorano il Ministero della Transizione Ecologica, il New Deal Europeo, l'Agenda ONU 2030, le varie Direttive, leggi.... e le tante, purtroppo, "parole, parole parole..." per la salvaguardia dell'ambiente e degli ecosistemi? Forse in un pianeta alieno irraggiungibile?

C'è anche chi scatena la risata dichiarando che "ammazzare i cinghiali è nell'interesse dei cinghiali stessi perchè la natura deve conservare un equilibrio e la sovrappopolazione è un rischio per alcune specie". Come se gli animali fossero un ammasso di carne con un solo cuore, un solo cervello, una sola vita e non singoli individui. Come se loro che sanno rispettare, per propria natura, la legge biologica della capacità portante, assecondassero la legge umana che distrugge gli ecosistemi e poi ragionare su come riequilibrarli con i calcoli matematici. Anzi, con le frottole.

Intanto i cinghiali non sono predatori ma animali erbivori, poi, come ben sappiamo, l'equilibrio della natura è stato rotto ed è continuamente rotto dall'essere umano. Inoltre, affermare che i cinghiali siano contenti di morire terrorizzati, aggrediti dai cani, squartati ancora vivi, per riuscire in quel compito che spetta all'Homo sapiens visto che è il solo colpevole della distruzione del nostro Pianeta, che nel 2050 avrà raggiunto i 10 miliardi di individui (vale anche per lui la legge suddetta?), è ridicolo. A quel qualcuno potrebbe allungarsi il naso.

Per informazione:

    Gli incidenti stradali in Italia, nel 2019, sono sati 172.183 con 3.173 morti  e 241.384 feriti e nel 2020 - tra gennaio e settembre - i morti sdono stati 1.788 e i feriti 123.061.
    Gli omicidi nel 2019 in Italia sono stati 315 tra cui 111 femminicidi e nel 2020  sono stati 271 tra cui 112 femminicidi (la Polizia di Stato, in un report del 2019, parla di 88 donne vittime ogni giorno di violenza).
    Le vittime umane in 110 giorni di caccia, fruibili per ogni cacciatore, della stagione venatoria 2018/2019, sono state 21 morti 59 feriti, nella stagione venatoria 2019/2020  27 morti 68 feriti, nella stagione venatoria 2020/2021 14 morti e 48 feriti.
    .....
    L’osservatorio ASAPS (Associazione Amici Polizia Stradale) ha registrato nel 2019 ben 164 incidenti significativi (ossia con vittime o feriti) con il coinvolgimento di animali, 13 i morti. In 141 casi la collisione è avvenuta con un animale selvatico e in 23 con un animale domestico. Nel 2020 sono stati registrati dall'ASAPS 157 incidenti significativi, 138  con un animale selvatico e 19 con un animale domestico.

Sono molte le strategie  per evitare sia il danno all'agricoltura, sia gli incidenti stradali. Non vengono attuate. Si preferisce il danno e, come sempre in Italia, la prevenzione pesa più del risarcimento anche se le vite non si possono risarcire.

Occorre togliere ai cacciatori e loro adepti la gestione della fauna selvatica che, nella storia del nostro Paese, ha provocato solo sangue e morte, disgregazione, inquinamento, illegalità, prepotenza, privilegio di pochi su un patrimonio di tutti.

C'è chi pensa che la caccia sia non solo una barbarie nei confronti di esseri senzienti (ricordiamoci l'art. 13 del TFUE) ma anche conservazione di un esercizio tribale e non in sintonia con la civiltà scientifica, tecnologica, culturale, che crediamo di aver conquistato.
Powered by Forum Kunena
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.