VALBIANDINO.NET

Valbiandino.net : notizie dalla Valsassina e non solo...

Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Comunicati Stampa

ARGOMENTO:

UNA PROPOSTA DI LEGGE PER LE DONNE CHE TORNANO AL LAVORO 04/07/2021 06:39 #443

  • GianMario Fragomeli
  • Avatar di GianMario Fragomeli Autore della discussione
Riforma fiscale, la proposta di legge sulla TASP
Agevolazioni per le donne che iniziano o tornano al lavoro

Come già anticipato in apertura, il "Documento conclusivo dell'indagine conoscitiva sulla riforma dell'imposta sul reddito delle persone fisiche e altri aspetti del sistema tributario", approvato dalle Commissioni Finanze di Camera e Senato, impegna oggi il Governo su battaglie storiche del Partito Democratico in materia di fisco: la riduzione delle tasse per chi ne paga troppe, l'agevolazione per il secondo percettore di reddito (nel 90% dei casi donne), gli incentivi per i giovani.
Entrando nel merito della questione legata al mondo del lavoro femminile, pochi giorni fa, insieme al segretario Enrico Letta, alla capogruppo alla Camera Debora Serracchiani e al responsabile Economia della segreteria PD Antonio Misiani, abbiamo presentato una proposta di legge per la riforma del fisco, denominata TASP (tassazione agevolata del secondo percettore, di solita donna) e pensata specificatamente per proporre agevolazioni fiscali in favore delle lavoratrici che iniziano o riprendono il lavoro dopo la maternità e per chi, nelle coppie, ha il reddito più basso.
L'Italia è oggi un Paese che non fa figli e che, rispetto ad altri, vede meno donne impegnate nel mondo del lavoro. E questo nonostante tutte le ricerche dicano che la natalità è maggiore dove è maggiore l'occupazione femminile. Abbiamo il dovere di porre fine a queste disuguaglianze. Solo così potrà esserci una vera ripresa economica e sociale del nostro Paese.

Di seguito, una sintesi dei benefici previsti dalla TASP:

    destina l’attuale detrazione per coniuge a carico a favore del secondo percettore in famiglia (per le famiglie con ISEE di 30.000 euro) per i primi 3 anni di attività lavorativa sempre che il reddito del secondo percettore non superi i 40.000 euro, trasformando le attuali detrazioni in crediti d’imposta IRPEF al fine di concedere il beneficio anche nel caso di incapienza d’imposta;

    riconosce un credito d’imposta corrispondente al 30 per cento del congedo parentale alle lavoratrici che rientrano a lavoro dopo il periodo di astensione obbligatoria per maternità fruibile fino al terzo anno di vita del bambino da utilizzare per le attività di cura e educazione dei figli minorenni;

    incentiva le famiglie che hanno diritto al Reddito di cittadinanza prevedendo la possibilità di continuare a beneficiare del 50 per cento del reddito di cittadinanza da parte del secondo percettore che rientri nel mondo del lavoro e, alla scadenza, per i 18 mesi successivi, di fruire di un credito d’imposta corrispondente alla metà della retribuzione media giornaliera, comunque non superiore a euro 500 mensili, per le attività di cura e educazione dei figli minorenni.

 
Powered by Forum Kunena
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.