VALBIANDINO.NET

Valbiandino.net : notizie dalla Valsassina e non solo...

FUSIONI DI COMUNI: PARTITA LA CACCIA AL FALSO SINDACO DI PRIMALUNA
Sullo scottante e molto discusso (anche a sproposito) argomento della fusione dei comuni irrompe un fatto di cronaca definibile quantomeno…
Leggi tutto...
LE ECCELLENZE DEI POSTI BELLISSIMI
La mia Birra di Primaluna, Mattia Citterio e il suo  magico vino d'Indovero, Paolo Bettiga e lo spettacolare recupero di Borgo…
Leggi tutto...
INTRATTENIMENTI MUSICALI IN VALSASSINA
Intrattenimenti musicali; Sabato 20 a Cremeno , il 21 a Introbio e il 27 a Taceno
Leggi tutto...
VILLA MONASTERO NELLA RETE DELL'800 LOMBARDO
Villa Monastero è entrata a far parte della Rete dell’800 Lombardo, una rete di realtà culturali, nata nel 2004, e ricostituita…
Leggi tutto...
DAL BANDO VALLI PREALPINE 2,3 MILIONI PER IL NOSTRO TERRITORIO
Era attesa ed ora è finalmente arrivata la sottoscrizione dell'accordo di collaborazione per la "Valorizzazione turistica delle Valli prealpine della…
Leggi tutto...
LA LOTTERIA DELLA SAGRA ASSEGNATA ALL'ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI DI LECCO
E' stata assegnata all'Associazione Nazionale Alpini di Lecco la tradizionale sottoscrizione a premi della 59^ edizione della Sagra delle Sagre:…
Leggi tutto...
IL PANATHLON LECCO IN VISITA A VILLA BERETTA A COSTAMASNAGA
Una nutrita delegazione del Panathlon International Lecco, con in testa il presidente Andrea Mauri, è stata ricevuta a Villa Beretta…
Leggi tutto...
NEL MESE DI MAGGIO IL CSC CORTENOVA RICORDA BATTISTA BENEDETTI E TONINO MELESI
Anche quest'anno il CSC Cortenova vuole ricordare due personaggi che tanto hanno contribuito alla crescita dell'Associazione.  Nel mese si maggio,…
Leggi tutto...
AMELIA CORTI, EX CEO DELLA P.F.A. E' IL NUOVO DIRETTORE GENERALE DI SACBO
Amelia Corti, volto noto in Valle per essere stata CEO della P.F.A. di Cortenova dal marzo 2013 al febbraio 2017, è…
Leggi tutto...
INTROBIO: PROSEGUONO I LAVORI SULL'ACQUADURO
Proseguono a pieno ritmo i lavori in corso sull'Acquaduro che hanno come scopo quello di mettere in sicurezza l'abitato di…
Leggi tutto...
TRE SOCCORRITORI FERITI DURANTE UN'OPERAZIONE DI SOCCORSO. L'APPELLO DEL CNSAS AD UN MAGGIORE SENSO DI RESPONSABILITA' DA PARTE DI CHI VA IN MONTAGNA
Stanno meglio i tre soccorritori del Cnsas, due uomini e una donna, rimasti feriti stanotte mentre svolgevano un’operazione di soccorso…
Leggi tutto...
ALL'UNITRE VALSASSINA SI E' PARLATO DI SPORT SEMI PROFESSIONISTICO
Non molto pubblico ma decisamente interessante l'incontro dedicato allo Sport, lunedi pomeriggio presso la Comunità Montana, organizzato dalla Università della…
Leggi tutto...
LAVORAZIONE 2.0: SI PARTE!
Domani sera, martedì 16 aprile ci sarà il primo evento pubblico nel contesto della settimana dedicata al lavoro e a…
Leggi tutto...
A CORTENOVA E PRIMALUNA DUE INCONTRI SULLA FUSIONE DEI COMUNI
"Sbrigate" le pratiche amministrative e dato il via ad un processo che vedrà coinvolta anche Regione Lombardia, è giunta l'ora…
Leggi tutto...
DA DUE NONNI UNA LETTERA DI RINGRAZIAMENTO ALL'ASILO VENINI DI INTROBIO
Gentile Direttore di Valbiandino.net, Siamo i nonni di Elia e Raffaele, due bimbi residenti a Milano, ma che stanno trascorrendo…
Leggi tutto...
Pubblicato in Attualita`

AREE INTERNE: INTROBIO PUNTA SULLA TROGGIA

Venerdì, 29 Marzo 2024 10:03 Scritto da  Redazione

Scadevano ieri i termini concessi ai comuni dalla Comunità Montana per la presentazione delle schede progetto inerenti alla strategia Aree Interne.

Differentemente da quanto evidentemente accade altrove, qui da noi si va veloce rispettando le ristrette tempistiche regionali che imponevano il 30 marzo come termine.

14 i milioni di euro in ballo che sono stati suddivisi equamente tra la nostra Comunità Montana e quella dell'Alto Lario (che assieme formano una delle aree interne lombarde). 

Di questi una buona parte sono già destinati a servizi sociali, altri ai privati e un buon gruzzolo a ciascun comune, circa 150.000 euro a testa, che potevano essere utilizzati "in proprio" oppure per progetti intercomunali (naturalmente sempre relativi ai settori indicati dalla normativa che regola la strategia).

La scelta di Introbio (che come altri comuni della Valle è entrato nelle Aree Interne solo dallo scorso anno) si è concentrata sulla cascata della Troggia, una delle attrazioni naturalistiche più importanti del territorio, citata da Leonardo nel suo Codice Atlantico oltre che dall'Abate Stoppani, e che da diversi anni, purtroppo, è  irraggiungibile (almeno legalmente) a causa del sempre incombente pericolo di caduta massi che costringe l'amministrazione comunale a mantenere in vita un'ordinanza di divieto di accesso.

"Nelle scorse settimane - spiega il Sindaco Adriano Airoldi - proprio per verificare la fattibilità di un progetto da inserire nelle Aree Interne abbiamo effettuato ulteriori sopralluoghi con guide alpine, un architetto e un geologo. La nostra speranza era che almeno dalla parte opposta a quella dove è oggi il sentiero si potesse pensare di creare un accesso alla cascata. Purtroppo la ricognizione è stata negativa: anche da quella parte si evidenziano pericoli di smottamenti e forse potenzialmente anche più pericolosi e consisenti. Morale: per poter accedere al punto di caduta della cascata sarebbero necessarie imponenti opere di messa in sicurezza delle pareti circostanti dai costi ingentissimi".

"Allora - continua - siamo passati a quello che possiamo definire il "piano B", presentando alla Comunità Montana un progetto che riguarda la qualificazione dell'accesso allo Zuc di Gru dove oggi c'è un belvedere allestito da alcuni solerti e volonterosi cittadini e la realizzazione di una sorta di balcone che possa permettere a tutti di ammirare la Troggia in perfetta sicurezza".

"Era da anni che volevamo intervenire sulla cascata - puntualizza Riccardo Benedetti, consigliere delegato dal sindaco a seguire la strategia Aree Interne - ed abbiamo colto quest'occasione per presentare un progetto che riguarda una bellezza naturale appartenente al patrimonio di tutta la Valle. Lo abbiamo fatto anche tenendoci in stretto contatto con il gruppo Amici della Cascata tenendoli costantemente aggiornati. Come ha detto giustamente il Sindaco, tutti speravamo di poter creare un accesso dal basso ma i rilievi effettuati hanno escluso a priori questa possibilità. Adesso attendiamo il via libera definitivo della Regione dopodiché il progetto seguirà l'iter previsto dalla strategia".

Per concludere, ricordiamo che l'accesso alla cascata è vietato da un'ordinanza ed i sopralluoghi eseguiti nei giorni scorsi non fanno altro che sottolineare la pericolosità del luogo. 

 

 

 

Ultima modifica il Venerdì, 29 Marzo 2024 11:00
Letto 475 volte