VALBIANDINO.NET

Valbiandino.net : notizie dalla Valsassina e non solo...

INTRATTENIMENTI MUSICALI IN VALSASSINA
Intrattenimenti musicali; Sabato 20 a Cremeno , il 21 a Introbio e il 27 a Taceno
Leggi tutto...
VILLA MONASTERO NELLA RETE DELL'800 LOMBARDO
Villa Monastero è entrata a far parte della Rete dell’800 Lombardo, una rete di realtà culturali, nata nel 2004, e ricostituita…
Leggi tutto...
DAL BANDO VALLI PREALPINE 2,3 MILIONI PER IL NOSTRO TERRITORIO
Era attesa ed ora è finalmente arrivata la sottoscrizione dell'accordo di collaborazione per la "Valorizzazione turistica delle Valli prealpine della…
Leggi tutto...
LA LOTTERIA DELLA SAGRA ASSEGNATA ALL'ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI DI LECCO
E' stata assegnata all'Associazione Nazionale Alpini di Lecco la tradizionale sottoscrizione a premi della 59^ edizione della Sagra delle Sagre:…
Leggi tutto...
IL PANATHLON LECCO IN VISITA A VILLA BERETTA A COSTAMASNAGA
Una nutrita delegazione del Panathlon International Lecco, con in testa il presidente Andrea Mauri, è stata ricevuta a Villa Beretta…
Leggi tutto...
NEL MESE DI MAGGIO IL CSC CORTENOVA RICORDA BATTISTA BENEDETTI E TONINO MELESI
Anche quest'anno il CSC Cortenova vuole ricordare due personaggi che tanto hanno contribuito alla crescita dell'Associazione.  Nel mese si maggio,…
Leggi tutto...
AMELIA CORTI, EX CEO DELLA P.F.A. E' IL NUOVO DIRETTORE GENERALE DI SACBO
Amelia Corti, volto noto in Valle per essere stata CEO della P.F.A. di Cortenova dal marzo 2013 al febbraio 2017, è…
Leggi tutto...
INTROBIO: PROSEGUONO I LAVORI SULL'ACQUADURO
Proseguono a pieno ritmo i lavori in corso sull'Acquaduro che hanno come scopo quello di mettere in sicurezza l'abitato di…
Leggi tutto...
TRE SOCCORRITORI FERITI DURANTE UN'OPERAZIONE DI SOCCORSO. L'APPELLO DEL CNSAS AD UN MAGGIORE SENSO DI RESPONSABILITA' DA PARTE DI CHI VA IN MONTAGNA
Stanno meglio i tre soccorritori del Cnsas, due uomini e una donna, rimasti feriti stanotte mentre svolgevano un’operazione di soccorso…
Leggi tutto...
ALL'UNITRE VALSASSINA SI E' PARLATO DI SPORT SEMI PROFESSIONISTICO
Non molto pubblico ma decisamente interessante l'incontro dedicato allo Sport, lunedi pomeriggio presso la Comunità Montana, organizzato dalla Università della…
Leggi tutto...
LAVORAZIONE 2.0: SI PARTE!
Domani sera, martedì 16 aprile ci sarà il primo evento pubblico nel contesto della settimana dedicata al lavoro e a…
Leggi tutto...
A CORTENOVA E PRIMALUNA DUE INCONTRI SULLA FUSIONE DEI COMUNI
"Sbrigate" le pratiche amministrative e dato il via ad un processo che vedrà coinvolta anche Regione Lombardia, è giunta l'ora…
Leggi tutto...
DA DUE NONNI UNA LETTERA DI RINGRAZIAMENTO ALL'ASILO VENINI DI INTROBIO
Gentile Direttore di Valbiandino.net, Siamo i nonni di Elia e Raffaele, due bimbi residenti a Milano, ma che stanno trascorrendo…
Leggi tutto...
Pubblicato in Opinioni

FORZA ITALIA CHIEDE CON FORZA CHE SIA AFFRONTATA E RISOLTA LA PESSIMA SITUAZIONE GESTIONALE DEL PARCO DELLA GRIGNA SETTENTRIONALE

Martedì, 13 Febbraio 2024 09:43 Scritto da  Forza Italia Lecco

La nuova maggioranza dell'assemblea della Comunità Montana Valsassina, Valvarrone, Val d'Esino e Riviera che si insedierà dopo la tornata elettorale del giugno prossimo si troverà a dover affrontare una problematica che da troppo tempo è stata accantonata per negligenza o convenienza organizzativa di chi oggi "gestisce" lo stesso parco che da decenni sopravvive a se stesso senza incidere minimamente sulla realtà socioeconomica dello splendido territorio che lo ospita, tradendo, di fatto, il mandato dei sindaci che ne chiesero l'istituzione.

Fin dai primi anni '80 in Valsassina, infatti, si parlava dell'attesissimo Parco che doveva rilanciare turisticamente la Valsassina e lo splendido ambiente naturale delle Grigne, che i valligiani ben conoscono e che é appezzato anche dai suoi molti e affezionati frequentatori, non solo Lombardi: questo era nelle intenzioni dei promotori e nelle attese della popolazione locale oltre che dei qualificati operatori del settore dell'accoglienza turistica ma qualcosa non ha funzionato se ancora oggi siamo qui ad attendere gli effetti di una gestione ad alterne vicende che non ha prodotto alcun risultato di rilievo e dunque non accontenta nessuno.

Anche in questa sede si ripete, pertanto, la domanda che è già stata posta in merito alla estemporanea gestione del Parco della Grigna durante il convegno che si è svolto l'anno passato in Comunità Montana riguardo alle politiche regionali sulla Montagna in provincia di Lecco e in Valsassina in particolare.

Siccome da allora nulla è cambiato, Roberto Gagliardi coordinatore provinciale di Forza Italia che condivide quanto è stato detto e scritto sull'argomento negli ultimi anni, si fa carico di ricordare agli attuali amministratori dell'ente montano ma soprattutto ai futuri che: "Se si vuole per davvero che il Parco della Grigna Settentrionale esca dall'attuale e disdicevole stallo, é giunto il momento di chiedere con determinazione che l'attuale istituzione ambientale si svincoli dalla Comunità Montana, diventando un Ente a sé stante e dotato della necessaria Autonomia Politica e Gestionale che gli consenta per davvero di Programmare le proprie scelte, concretizzando al meglio le finalità per cui é stato voluto a suo tempo dagli amministratori della Valsassina e da Regione Lombardia. Dico questo - conclude Gagliardi - perché attualmente il Parco della Grigna e pochi altri in Lombardia sono parchi a gestione speciale e questo vuol dire che non sono gestiti da un ente di diritto pubblico regionale, come la gran parte dei parchi lombardi ma da enti locali e nel caso specifico da Comunità Montane. Questo è il punto! Siccome non basta la buona volontà, condividendo le perplessità del territorio valsassinese, credo sia giunta l'ora di affidarne la gestione a chi é dotato di specifica managerialità, soprattutto in materia di programmazione e accoglienza turistica e ciò in favore della Valsassina e del suo ampio e straordinario contesto naturalistico".

L'Ente parco, infatti, avrebbe dovuto essere la privilegiata fucina di idee e il motore della promozione turistica in Valsassina ma anche delle sue convalli, affacciate sul lago e culturalmente ancorate ai prospicenti presidi montani di Resegone, Pizzo dei Tre Signori, Legnone e dunque delle Grigne, montagne simbolo di casa nostra che formano un tutt'uno anche ambientale con la baricentrica Valsassina e le aree geografiche confinanti.

Diversamente, il Parco della Grigna Settentrionale non avrà veramente la possibilità di autodeterminarsi pienamente e, come sostengono i suoi più delusi detrattori, corre il rischio di restare una scatola vuota.

Si chiede che si voglia rimuovere l'attuale situazione, caratterizzata da un inaccettabile impasse: quanto si é visto negli ultimi anni non basta a giustificarne l'esistenza e soprattutto non serve a nessuno, tantomeno al turismo di qualità.

Letto 186 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)