VALBIANDINO.NET

Valbiandino.net : notizie dalla Valsassina e non solo...

Pubblicato in Sport

CALCIO LECCO NEMMENO A BARI ARRIVA IL RISCATTO, QUINTA SCONFITTA CONSECUTIVA

Domenica, 11 Febbraio 2024 07:26 Scritto da  Giuseppe Mazzoleni

Bari - Calcio Lecco: 3 - 1

Bari (4-3-3): Brenno; Dorval, Vicari, Di Cesare (52′ Matino), Ricci; Maita (78′ Lulic), Benali (63′ Maiello), Edjouma; Sibilli (87′ Nasti), Menez (78′ Kallon), Puscas. All.: Iachini.

Lecco (4-3-3): Melgrati; Guglielmotti (Lepore 46′), Celjak, Caporale Ierardi; Ionita, Sersanti, Crociata (61′ Inglese); Parigini (55′ Listkowski), Novakovich, Buso (55′ Salcedo). All.: Bonazzoli/Malgrati.

Marcatori: Benali (B) al 26′; Puscas (B) al 52′; Sibilli (B) al 68′; Novakovich (L) all’83’.

Arbitro: Francesco Cosso

Note. Ammoniti: Guglielmotti, Benali, Sibilli, Sersanti.

L’ultima partita disputata in casa contro la Cremonese, dove i Blucelesti erano stati sconfitti di misura 1 a 0, sembrava aver dato qualche timido segnale di risveglio, anche se la prestazione aveva ben poco di qualitativo, ma sostenuta da una prova tutta voglia e sacrificio. Non molto per una squadra che doveva riprendere il cammino lasciato all’ultima giornata del girone di andata e che aveva fatto delle aspettative del mercato di riparazione la speranza di rifarsi.

Invece sette giorni dopo a Bari riecco apparire in campo il Lecco del girone di ritorno, confusionario, privo di gioco e di idee, un gruppo di giocatori messi in campo a caso e che sembra non abbiano mai giocato assieme, senza un gioco corale, ma soprattutto con i soliti limiti difensivi.

La colpa è di tutti, giocatori, allenatori, direttore sportivo e Società. I giocatori perché sembrano abbiano smarrito quella forma fisica che li facevano correre per 90’ e oltre. Di Bonazzoli/Malgrati che hanno perso le idee e la capacità di guidare la squadra verso comuni intenti, ma soprattutto incapaci di dare determinazione e solidità mentale ai propri giocatori.

Al Direttore Sportivo Fracchiolla, che a fine girone di andata si era sbilanciato nel dire che se il Lecco avesse chiuso con i punti che potevano far sperare nella salvezza si sarebbe adoperato per un mercato riparatore in grado di rinforzare il Lecco, ma che fino ad oggi non ha dato i frutti sperati Alla Società che impone il silenzio stampa, arma inutile per caricare ambiente e squadra, invece di assumersi le proprie responsabilità per il momento difficile.

Di positivo c’è che la classifica è corta perché a due punti di distanza ci si ritrova nella zona play-off retrocessione ed a sette si è fuori. Mancando ancora 14 partite la partita salvezza è ancora tutta da giocare, nulla di perso. Però servono subito punti e punti pesanti a partire dal prossimo turno casalingo contro il Cosenza. Ora non sono più ammessi errori gravi e cali tensione.

L’inizio di partita si svolge su ritmi lenti, laddove il Lecco fa del possesso palla la sua caratteristica, anche se non porta a conclusioni pericolose. Il Bari è più concreto e risulta essere più voglioso grazie ai guizzi di Menez e Sibilli.

Al 26’ è Benali a portare in vantaggio i pugliesi, ora guidati dal neo tecnico Iachini subentrato a Marino. Il centrocampista è bravissimo a battere Melgrati con una gran botta dal limite dell’area che s’infila all’incrocio dei pali.

Ad inizio ripresa il Bari raddoppia, con la prima rete barese di Puskas, bravi ad anticipare tutti in area e trovando la deviazione vincente sull’angolo di Maita. La terza rete arriva a 20’ dal termine con Sibilli, bravo e tempestivo ad inserirsi di testa sul perfetto cross di Dorval, battendo Melgrati non proprio perfetto sull’incornata dell’attaccante.

Il Lecco trova la rete all’83° con il colpo di testa di Novakovich che sembra riaccendere le speranze dei Blucelesti, ma ormai la frittata è fatta e gli ospiti escono mestamente con l’ennesima, la quinta consecutiva, sconfitta, mai accaduto nella storia del Lecco in B.

 

Letto 65 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)