VALBIANDINO.NET

Valbiandino.net : notizie dalla Valsassina e non solo...

PUNTO TAMPONI SCUOLA? IN PROVINCIA DI LECCO CE NE SONO .... ZERO
Premessa: la Direzione Welfare della Regione rende noto che "negli ultimi giorni si sta assistendo ad una crescente domanda di…
Leggi tutto...
NUOVO DPCM. GREEN PASS (ANCHE) PER ANDARE DAL TABACCAIO
Si può dire che quasi ogni giorno la "fabbrica" del Consiglio dei Ministri lancia sul mercato nuove disposizioni in merito…
Leggi tutto...
COVID A SCUOLA, CLASSI IN DAD
Nonostante le rassicurazioni del Ministro Bianchi ("Tutto va bene Madama la Marchesa" !) la seconda settimana di Gennaio ha visto…
Leggi tutto...
COVID: I MORTI AUMENTANO MA NON SAPPIAMO CONTARLI
Il Covid 19 non molla. Almeno non ancora. E anche in Lombardia i dati diffusi dal Ministero della Salute sono…
Leggi tutto...
Calcio Lecco - Pro Vercelli: 0 - 0
Lecco (4-4-2): Pissardo; Celjak, Marzorati, Battistini, Enrici; Giudici (dal 39′ s.t. Lakti), Masini, Kraja (dal 24′ s.t. Galli), Zambataro; Iocolano…
Leggi tutto...
INTROBIO: IL COVID NON MOLLA LA PRESA. OGGI IL NUMERO PIU' ALTO DI CONTAGI
Nonostante da più parti si affermi che siamo vicini al picco dei contagi e che la "corsa" del Covid sembra…
Leggi tutto...
CONFCOMMERCIO LECCO: IL PRESIDENTE PECCATI TRACCIA LA STRADA PER IL 2022
Dopo due anni complicati Confcommercio Lecco conferma la sua azione a fianco delle imprese associate e guarda con fiducia alla…
Leggi tutto...
DA OGGI OBBLIGO GREEN PASS PER ACCEDERE ALLE
Da oggi, chi si recherà in saloni di acconciatura, centri estetici, studi di tatuaggi e attività varie di servizi alla persona,…
Leggi tutto...
ALLERTA RISCHIO INCENDI
È stata diramata dalla Protezione Civile Regione Lombardia l'allerta riguardo il rischio incendio sommato alla previsione di vento forte.Riguarda anche…
Leggi tutto...
PRIMALUNA: DA 35 A 43 POSITIVI AL COVID
Aggiornamento al 17.01.2022 43 Positivi 38 in sorveglianza perchè a stretto contatto o per rientro dall'estero ______________________________________________________   Aggiornamento al…
Leggi tutto...
Pubblicato in Opinioni

Una Pasqua di tredici anni fa

Sabato, 03 Aprile 2021 05:58 Scritto da  Elio Spada

Era una Pasqua “bassa” quella del 2008. Cadeva il 23 marzo. Perchè proprio 2008? Perchè non era una Pasqua qualsiasi. Me la ricordo ancora con nitida precisione. Per questo trascorro il passato nel presente. Storico, certo, ma pur sempre presente. Pasqua di resurrezione. Sto per “risorgere” anch’io. Dormo quasi sempre un sonno profondo, incosciente. I miei sogni non sanno riconoscersi.

Con stupore abbandono ad ogni risveglio questa specie di morte. La vita mi riconquista tardi. Dalle tende della camera da letto filtrava una luce opaca e silenziosa. Sono coricato sul fianco destro. L'orecchio premuto sul cuscino capta il pulsare ritmato e lento delle arterie. Non è un suono, né un rumore. Piuttosto uno stato d'animo. Quell'immersione bianca teneramente ottusa del primo mattino, che precede di poco l'abbandono completo del sonno. Mi stupisce, soprattutto, il silenzio. L'assenza totale di segnali esterni di vita. Persino i merli, per solito spensieratamente musicali, tacciono assorti.

Fatico a capire se si tratti di veglia o del suo contrario. Un biancore lattiginoso, timidamente reale, percola lento dai tendaggi. Dove fino a ieri c’era la parete Fasana, ora c’è solo un nebuloso, sbiadito grigiore che sta pervadendo anche i sensi. Allungo un braccio sporgendomi cautamente sull'orlo del letto. Scosto la tenda. Precipito dalla realtà del sogno. Sogno vivo, opalescente di pura assenza. Tutto è bianco. Il silenzio si insinua lento, dovunque. Milioni di piccole scaglie leggere popolano mute lo spazio esterno dilatandolo in un tempo immobile, remoto, indolente.

Stratificato candore modella con sapienza afona tetti, prati, alberi, strade. Esternità anecoica priva di vita e di vite. Poi, chissadove, il suono stridente di una lama sull'asfalto a frantumare la lenta veglia. Dieci minuti più tardi, in cortile, affondo una larga pala d'allumino nel corpo candido che ricopre il suolo. Poco distante, nel bianco intenso di un nulla che sfarina copioso su tutto, la piccola macchia nera di un merlo cerca inutile riparo presso un camino incappucciato. Ne avrò per almeno un'ora. E penso a un inevitabile ma vicinissimo futuro. A dolorose vesciche, a una schiena rigida e dolente, a braccia pesanti e conseguentemente doloranti. Pasqua di passione. Me ne ricordo bene. Non era una Domenica qualsiasi. Era Pasqua e cadeva il 23 marzo 2008 anche a Introbio.

Ultima modifica il Sabato, 03 Aprile 2021 06:11
Letto 598 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.