VALBIANDINO.NET

Valbiandino.net : notizie dalla Valsassina e non solo...

Pubblicato in Opinioni

“Lo stage non è un lavoro”

Martedì, 25 Maggio 2021 08:35 Scritto da  Pietro Regazzoni

Noi, come gruppo consiliare del Partito Democratico di Lecco, siamo convinti che l’ingresso nel mondo del lavoro non debba essere sinonimo di precarietà e zero tutele. Per questo motivo, attraverso i nostri consiglieri comunali più giovani, abbiamo depositato una mozione a sostegno della campagna “Lo stage non è lavoro” promossa congiuntamente dal gruppo “Lo stagista frust(r)ato” e dai Giovani Democratici di Milano.

In questa fase di crisi economica e di grandi difficoltà dal punto di vista del mondo scolastico e della formazione questa mozione risulta ancor più urgente. In Italia, oggi, un giovane su 3 rimane senza occupazione e siamo il paese europeo con il più elevato numero di “Neet”, ovvero più di 2 milioni di ragazzi e ragazze senza un lavoro, un percorso di studio o di formazione. Sono inoltre preoccupanti i dati che ci arrivano dal centro provinciale per l’impiego con un calo drastico del 34%, rispetto all’ultimo trimestre del 2020, riguardante i contratti di avviamento al lavoro dedicati ai giovani tra i 15 e 24 anni.

Oggi più che mai, riteniamo necessario accendere i riflettori sull’utilizzo spesso scorretto e sub ottimale del tirocinio extra-curriculare favorendo laddove è possibile, e necessario, l’entrata dei giovani nel mercato del lavoro con un contratto di apprendistato in grado di coniugare l’aspetto formativo con maggiori tutele durante l’occupazione.

Con l’approvazione di questa mozione da parte del Consiglio comunale – spiegano i proponenti della mozione Pietro Regazzoni e Nicolò Paindelli– abbiamo chiesto al Comune di Lecco di dare l’esempio su questo tema così importante per le fe fasce d’età più giovani. In particolare, impegniamo l’Amministrazione di Lecco su 4 fronti, a partire dal sostenere in ogni sede politica e amministrativa questa iniziativa al verificare la possibilità di riconoscere un’indennità per i tirocini di durata superiore ad un mese. Proponiamo un cambio di passo concreto per recepire e integrare queste proposte all’interno dell’attività della macchina amministrativa, favorendo l’utilizzo del contratto di apprendistato agli studenti che abbiano concluso lo stesso da non più di sei mesi e allargando questo strumento anche alle società partecipate.

Pietro Regazzoni
Nicolò Paindelli

Ultima modifica il Martedì, 25 Maggio 2021 08:37
Letto 49 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.