VALBIANDINO.NET

Valbiandino.net : notizie dalla Valsassina e non solo...

SEGNALATA FRANA A BALLABIO: VIGILI DEL FUOCO AL LAVORO NELLA NOTTE
Notizie frammentarie quelle che giungono da Ballbio dove è stata segnalata la caduta di grossi massi. Sul posto il Sindaco…
Leggi tutto...
Le iniziative di "Culturiamoci in Valsassina", la splendida serie di eventi lodevolmente promossa dalla nostra Comunità Montana realizzata con il…
Leggi tutto...
I VIGILI DEL FUOCO APRONO AL PUBBLICO
Nel periodo dal 10 al 16 ottobre 2022 si svolgerà la IV edizione della Settimana Nazionale di Protezione civile ,…
Leggi tutto...
VACCINAZIONI DAL 5 OTTOBRE
Da oggi, mercoledì 5 ottobre 2022, i cittadini over 60 potranno rivolgersi prioritariamente al proprio medico di medicina generale per…
Leggi tutto...
TORNANO IN VALLE I WEEKEND DEI SAPORI D'AUTUNNO
Dopo il successo delle passate edizioni, torna anche nel 2022 l’iniziativa “I WEEKEND DEI SAPORI D’AUTUNNO”. Con questa rassegna gastronomica che copre…
Leggi tutto...
IL SALUTO DEL DIRIGENTE RENATO CAZZANIGA ALLA COMUNITA'
Come annunciato dal nostro giornale, Renato Cazzaniga dal primo ottobre ha lasciato il ruolo di reggente della dirigenza scolastica dell'I.C.S.…
Leggi tutto...
NUOVO LIBRO DA CHRISTIAN ANTONINI, CON MONDADORI
"Il 25 ottobre esce il mio prossimo romanzo."  Così scrive l'ormai noto scrittore di libri per ragazzi che abita a…
Leggi tutto...
YOGA A INTROBIO? ADESSO SI PUO'
Francesco Bertoli, insegnante di yoga diplomato e molto conosciuto in Valle dove insegna già a Ballabio e Cremeno, vi aspetta…
Leggi tutto...
Pubblicato in Attualita`

CLAMOROSO A BALLABIO: BILANCIO APPROVATO. BALLABIO NON PERDE IL BUSSOLA

Martedì, 20 Settembre 2022 08:27 Scritto da  Redazione
Quando ormai sembrava fosse già stato tutto scritto, con un vero e proprio inatteso "coup de theatre", la maggioranza diventata ostile al sindaco ha deciso di astenersi sul voto al bilancio. Il documento è così passato con sei voti favorevoli, quattro contrari e, appunto, tre astenuti.
Qui sotto riportiamo il post che Alessandra Consonni, ex sindaca, ha postato nella serata di ieri dove "giustifica" questo passo indietro rispetto a decisioni che sembravano, appunto fino a ieri sera, inappellabili.
  
 
Di fronte alla drammatica congiuntura che incombe su larga parte della popolazione, riteniamo che il Consiglio comunale di Ballabio debba, oggi come non mai, farsi carico di esprimere e rappresentare le situazioni di criticità che coinvolgono più direttamente i concittadini.
Appare pertanto auspicabile che, in questo momento di eccezionale gravità, il Consiglio comunale di Ballabio possa proseguire nella propria attività, operando allo scopo di definire politiche e strumenti atti a sovvenire alle esigenze collettive e specifiche utili ad affrontare anche in sede locale il particolare momento che stiamo attraversando. In tale contesto, ricevuta individualmente la sollecitazione del prefetto ad approvare il Bilancio comunale, al termine di oltre due mesi di confronto e seppur insoddisfatti dall'atteggiamento riservato alle nostre istanze, al cospetto della gravissima crisi che, in ambito sociale ed economico, di giorno in giorno si profila con una intensità inimmaginabile, reputiamo necessario non opporci all'approvazione del Bilancio comunale, al fine di consentire la prosecuzione dell'attività consiliare.
Ribadisco con fermezza il dissenso circa l'aumento delle indennità di sindaco e assessori, a cui rinuncerò per quanto riguarda il pregresso considerato che questo bell'aumento ha previsione retroattiva. Pertanto provvederò a devolvere il surplus con un atto che motiverò pubblicamente. Non solo l'accettazione di questo aumento, votato in giunta, va contro il primo e più importante dei principi di Nuovo Slancio per Ballabio, ovvero non contribuire ad aumentare mai i costi della politica, ma soprattutto in un periodo come questo ritoccarsi le indennità è semplicemente scandaloso. E' triste che il sindaco di un piccolo comune come questo, che incamera 1500 euro netti al mese si aumenti l'indennità di altri 1000 euro, lordi, al mese e poi vada a piangere sul caro energia, dicendo che il municipio di Ballabio non avrà i soldi per pagarsi le bollette.
Questa situazione di emergenza deve far riflettere. Per questa ragione, pur ribadendo la necessità di coerenza e trasparenza, ritengo che il consiglio comunale debba continuare ad operare, perchè questa è la sede dove si può affrontare la situazione di grave criticità. Resto fedele ai valori del gruppo di maggioranza che ho creato oltre 10 anni fa, una fedeltà che non può disgiungersi dal senso di responsabilità, che obbliga a considerare che nelle ultime settimane la situazione è diventata quella di emergenza attuale, con bollette alle stelle, aumenti dei prezzi, inflazione galoppante, restrizioni energetiche, casse integrazioni: è evidente che il consiglio comunale può fare di più sul piano sociale di un commissario prefettizio per sovvenire alle necessità dei cittadini.
Inutile dire, poichè tutti l'hanno capito, che la crisi amministrativa ballabiese ha una radice nella mancanza di trasparenza dell'operazione Barech. Un comportamento inaccettabile, al punto che ancora oggi il sindaco rifiuta di rispondere seppur interrogato in merito, persino all'interrogazione sui motivi e sulle competenze ingegneristiche che lo hanno indotto a firmare il parere di regolarità tecnica relativo alla delibera del Protocollo di intesa tra Comune, Provincia e azienda al posto del responsabile dell'ufficio tecnico.
Per tutta risposta, rispetto a chi chiedeva lumi su una faccenda del valore di milioni, sono state fatte girare offesine da asilo mariuccia, i cattivoni, gli invidiosi etc.. In questa situazione, ci mancava solo che il sindaco si votasse l'aumento dello stipendio per premiarsi... Ed è paradossale che sia accaduto proprio così, una situazione dove trasparenza sull'operazione Barech e coerenza sui costi della politica hanno finito per legarsi. E tuttavia, di fronte alla drammatica realtà dei nostri giorni facciamo un atto di fede nel nostro consiglio comunale, lo manteniamo in vita, perchè abbiamo la consapevolezza che sarà questo luogo a fare la differenza in questo autunno e inverno.
Non è stato perso del tempo durante l'iter di approvazione del bilancio, pare anzi che in questa estate siano state compiute scelte virtuose, idonee al periodo. Ma quello che più conta è l'impegno per il presente e il futuro, con la determinazione di sempre, consapevoli che il senso del tempo che dedichiamo alle istituzioni è tutto nella fedeltà ai valori e ai principi ed è su questa strada che si andrà avanti.
Letto 101 volte