VALBIANDINO.NET

Valbiandino.net : notizie dalla Valsassina e non solo...

Venerdì, 31 Maggio 2024 10:30

PROGETTO WINTER E SUMMER ALTA VALSASSINA: 4,5 MILIONI DI EURO BEN SPESI PER RILANCIARE IL TERRITORIO O MAL SPRECATI PER IMPORGLI UN MODELLO TURISTICIO OBSOLETO E ILLOGICO?

P.S. – Pre Scriptum: l’articolo che state per leggere è stato pubblicato in origine su “Leccoonline” il mercoledì 7 febbraio scorso, e propone alcune mie considerazioni su questo precedente articolo pubblicato dalla stessa testata, la cui redazione ringrazio molto per l’attenzione e lo spazio concessomi. La speranza, come sempre e come mi auguro si colga dal senso del mio scritto, è di suscitare pensieri avveduti e dibattiti costruttivi per chiunque e, ancor più, per il bene delle montagne e di chi le vive sia da abitante che da turista.

In questi giorni i media locali hanno dato notizia di “Winter e Summer Alta Valsassina” il progetto di riqualificazione estiva e invernale delle località “turistiche” dell’alta valle nel quale sono coinvolti i Comuni di Margno, Casargo, Crandola Valsassina, Premana, Pagnona e Taceno.

Una lettura entusiasmante, senza dubbio, per chi voglia restarvi in superficie, nella suggestione delle espressioni che presentano il progetto. Che di primo acchito va bene, sia chiaro, non c’è mai troppo tempo per approfondire le cose. Però poi un poco più nel loro profondo bisogna andare, per capire meglio e farsi una propria opinione quanto più indipendente dalle chimere lessicali dei bravissimi professionisti – veri e propri prestigiatori delle parole – che scrivono la parte poi resa pubblica di quei progetti.

Dunque, provo ad approfondire quanto ho letto senza – e ribadisco senza voler ribattere ad alcunché ma per proporre un diverso punto di vista sul tema – e mi scuso fin d’ora per la prolissità, d’altro canto inevitabile.

Soldi da spendere: 4,5 milioni di Euro, per buona parte pubblici (Regione Lombardia e Comunità Montana) e in piccola parte privati (ITAV srl, società privata creata appositamente nel 2022 cui verrà in seguito affidata la gestione delle nuove opere): sarebbe interessante capire le modalità di tale partnership (project financing?) con un soggetto privato alla quale sarà affidata un’opera pubblica, finanziata con i soldi dei contribuenti.

Interventi: nuova seggiovia biposto tra l’Alpe Paglio e la Cima Laghetto, sulla linea occupata dallo skilift chiuso dai primi anni 2000 (chissà come mai). Quota: 1450-1730 metri, ben inferiore ai 2000 m indicati da tutti i report scientifici e climatici atti a garantire una copertura nevosa più o meno costante per il numero di giorni necessario a poter considerare economicamente sostenibile un comprensorio sciistico nei prossimi anni, nonostante qui si sia su un versante esposto a settentrione – elemento geografico ormai non più determinante, basti vedere le temperature di questi giorni anche sui versanti nord. Mi chiedo se in tali circostanze convenga spendere così tanti soldi (e me lo domando io che a Paglio ho imparato a sciare più di quarant’anni fa, dunque coltivando un legame particolare con il luogo).

“Obiettivo” 1, «ridare lustro alla storica “pista di Paglio”, un tracciato suggestivo e di grande valenza tecnica»: pista “storica”, ben detto, infatti oggi non più in linea con gli standard turistici e di sicurezza (anche rispetto al carico sciatori per mq di pista) dei tracciati di discesa offerti dagli altri comprensori (i Piani di Bobbio, senza andare troppo lontani).

“Obiettivo” 2, «la creazione di un unico comprensorio» con il Pian delle Betulle: quota 1500 m, esposizione ovest pieno, una delle più sfavorevoli per un comprensorio sciistico (le cronache meteoclimatiche recenti del luogo lo attestano), garanzia di brevissima permanenza della neve al suolo e in quantità sufficiente per mantenere aperte le piste e/o per innevarle artificialmente (mentre scrivo queste mie considerazioni al Betulle ci sono 12°. Dodici al 6 di febbraio, già).

“Obiettivo” 3, «verrà così potenziata in modo significativo la proposta sciistica dell’Alta Valsassina, che diverrà realmente (e nuovamente) attrattiva per gli amanti dello sci alpino.» Posti i due punti precedenti, sembra di leggere il brano di un libro fantasy – e lo dico con molta amarezza, ben più che con ironia.

Inoltre, l’offerta «sarà supportata anche da interventi di miglioramento dell’accessibilità alla località divisa tra i comuni di Casargo e di Margno. Nello specifico, verranno realizzati cento nuovi posti auto nelle aree limitrofe a quelle già utilizzate a tale scopo.» Mobilità sostenibile? Mai sentita nominare. Meno traffico e auto in montagna? Che sarà mai! Navette sostitutive che alleggeriscano la località dal traffico veicolare? Non pervenute. Meno asfalto e cemento? Macché, sono così belli tra prati e boschi e fanno così bene al paesaggio montano! D’altro canto «l’importante è fare interventi che siano sostenibili». Eh già!

Andiamo all’Alpe Giumello. «Un anello di ben 5 km gestito da Nordik Ski Valsassina – in relazione alla quale è prevista la realizzazione di un impianto di innevamento artificiale, grazie ai finanziamenti in arrivo dal Ministero del Turismo.» Soldi pubblici, di nuovo. E dove? Su un’esposizione a sud piena, ancora più sfavorevole per mantenere la neve al suolo. Cosa sparerà, il nuovo impianto di innevamento che tutti noi pagheremo? Direttamente acqua? Ciò con il massimo rispetto per la pratica dello sci nordico, una delle più belle in assoluto da fare sui monti d’inverno: ma dove un inverno ci sia ancora e la neve permanga! Che ciò possa accadere al Giumello – mi permetto di osservare – sembra alquanto arduo.

Proseguiamo con «la realizzazione dell’Osservatorio Astronomico in rete scientifica e culturale»: bella iniziativa, senza dubbio, non vedo l’ora di visitarlo. Ma pure un’azione assai “tipica” in progettualità del genere, nelle quali se ne inserisca almeno una simile per poter affermare di “investire” anche nella cultura. «Piutost che nient, mej piutost» dicono a Milano, e ci sta, ma è anche è un po’ come riaffermare – biecamente, come fece quel noto ex ministro – che siccome con la cultura non si mangia, se proprio la volete fateci mangiare altrove. Scrivo “mangiare” per restare in tema senza alcun significato tendenzioso, ovviamente!

Infine, «esiste un vastissimo patrimonio immobiliare di seconde case distribuito sui comuni di Margno e Casargo. Attualmente non è valorizzato a dovere, come invece avveniva negli anni Settanta, Ottanta e Novanta. Con il rilancio delle nostre località, vogliamo far rivivere questo patrimonio, favorendo al contempo la crescita degli affitti brevi e dei B&B». Motivazione già sentita altrove (è scritta su qualche manualetto?) che appare quanto mai scollata dalla realtà attuale delle cose, priva di fondamento concreto e di un’autentica visione strategica riguardo il recupero di questo patrimonio immobiliare sovente degradato e degradante: perché, è bene rimarcalo, pensare di valorizzarlo con affitti brevi B&B significa degradarlo ancora di più – numerose località turistiche che hanno intrapreso questa strada anni fa se ne stanno accorgendo e ora cercano di correre ai ripari in tutti i modi – e trasformare tutti quei “letti freddi”, tali ormai da lustri, in letti definitivamente ghiacciati.

Per inciso, quello degli immobili con finalità di seconde case costruiti nei decenni scorsi (grazie alla vorace e bieca ottusità di numerosi impresari con la compiacenza degli amministratori locali) in tante località montane un tempo turisticamente appetibili e oggi non più in grado di esserlo (non perché non ne siano capaci, ma perché non esistono più le condizioni grazie alle quali lo siano), è un grosso problema, in gran parte irrisolvibile. Pensare di far tornare abitati quegli immobili come cinquant’anni fa è una suggestiva utopia, e in ogni caso resterebbero “letti freddi”, alloggi abitati per pochi giorni all’anno che nulla di concreto apportano alla vitalità socioeconomica dei paesi. Servirebbero ben altre soluzioni, molto più articolate, magari in certi casi ben più drastiche, che posso capire siano considerate ostiche da gestire per le amministrazioni locali. Fatto sta che dal problema non se ne esce, al momento, e certamente non grazie agli affitti brevi e dei B&B, mero e ingannevole palliativo che, come detto, rischia di peggiorare ancor più la situazione anche alterando il mercato immobiliare locale a favore di chi invece vorrebbe abitare stabilmente, in zona.

Obiezione di qualcuno che starà leggendo: ah, voi siete capaci di dire sempre e solo «no»! Contro-obiezione: ho scritto da qualche parte che «quelle opere non s’han da fare»? Non mi pare. Sto solo proponendo delle deduzioni logiche direttamente ricavate dalla realtà dei fatti e dai rilievi sperimentali messi nero su bianco in una pletora di documentazioni scientifiche. Piacciano o meno, le si accettino o meno, liberissimi di farlo. E poi, “voi” chi? Io sono io e scrivo per me, punto.

Domanda, ora: si potrebbero spendere meglio i tot milioni di Euro stanziati, soprattutto quelli pubblici, magari a favore di opere ben più dirette al benessere di tutta la comunità residente nel territorio in questione? Forse sì, forse no. I punti di vista e le proposte al riguardo potrebbero essere diverse e nessuna migliore o peggiore dell’altra.

Domanda successiva: si potrebbe evitare di sprecare così tanti soldi pubblici, in forza delle ineludibili evidenze oggettive che caratterizzano il contesto in questione come quota, esposizione, geomorfologia, situazione climatica attuale e in divenire, “giorni ghiaccio” (dai quali dipendono i giorni di permanenza della neve al suolo), capacità concorrenziali rispetto ad altre località, visione strategica (o sua assenza) delle proposte presentate, innovazione turistica, portato socioeconomico e culturale rispetto alla comunità residente, impatto ambientale, ecologico, paesaggistico… per magari pensare una strategia di sviluppo alternativa più consona ai luoghi in questione e più equilibrata nel rapporto tra benefici per il turista e vantaggi per la comunità residente? Io credo di sì: occorre un’elaborazione attenta, articolata, strutturata e con visione a medio-lungo termine (che io non vedo nel progetto qui dibattuto, forse perché sono miope!) ma si può assolutamente fare e di casi virtuosi al riguardo ve ne sono molti, in giro per le Alpi. Basta volerci pensare, ne potrebbero scaturire iniziative veramente notevoli e capaci di attrarre molta attenzione e altrettanto prestigio sul territorio.

Domanda ulteriore: ma insieme al progetto delle opere previste, è stato presentato anche un piano di gestione economico-finanziaria di esse sul lungo periodo? È stato previsto un piano dei costi di esercizio delle opere e un business plan al riguardo? Come saranno coperte queste spese? La gestione sarà totalmente in carico alla Itav Srl, la società privata cui verranno affidate le nuove opere, e sostenuta con i suoi flussi di cassa? E se si generassero debiti tali da impedire alla società di intervenire? Chi li appianerebbe?

Domanda finale, già in parte accennata: ma negli interventi previsti da questo progetto “Winter e Summer Alta Valsassina”, dov’è la comunità? E dov’è il fare comunità, elemento fondamentale per garantire veramente ai piccoli comuni dei territori montani un futuro, proprio, solido e non soggiogato agli andamenti di fattori sostanzialmente esterni al contesto locale come quelli legati al turismo? Il quale è un apporto importante, sia chiaro, ma non può essere il fattore predominante. Non più, da qui al futuro prossimo in territori come l’alta Valsassina.

Dulcis in fundo: la “Big Bench” dell’Alpe Chiaro. Be’, per quanto mi riguarda preferisco soprassedere – cioè sedere sopra una panchina normale: ben più comoda, molto meno pacchiana.

Ribadisco: nessuna obiezione formale, solo osservazioni messe nere su bianco per capire meglio. Personalmente non posseggo alcuna verità assoluta, ma una notevole sensibilità verso le cose dotate di buon senso, ovvero prive di esso, quella sì – e mi auguro la coltivino in molti, a prescindere da ciò su cui sto scrivendo e per il bene del civismo condiviso. Se c’è buon senso, logica, visione, sensibilità verso i luoghi e i loro abitanti, in montagna si può fare di tutto, anche cose “pesanti”; se non c’è nulla di questo, tutto ciò che sarà fatto rappresenterà un danno inesorabile, pure la più piccola e apparentemente innocua opera.

Magari il progetto “Winter e Summer Alta Valsassina” rappresenterà una grande e benefica rivoluzione per residenti e turisti rivitalizzando la zona e la sua economia. Magari sarà l’ennesimo spreco di denaro pubblico a danno del territorio e a fronte di ben altri bisogni necessari agli abitanti dell’Alta Valsassina per vivere al meglio la propria quotidianità.

Questione di buon senso, appunto.

Leggi tutto...
Giovedì, 30 Maggio 2024 22:02

UN SUCCESSO L'ASSALTO ALL'ANGELONE. VINCONO GIOVANNI DEDIVITIIS E BARBARA SANGALLI

in Sport

Circa centocinquanta atleti hanno accolto l'invito del CSC Cortenova e del gruppo che organizza la Introbio - Biandino e si sono ritrovati mercoledì sera a Introbio in Piazza Cavour alla partenza dell'Assalto all'Angelone, competizione di corsa in salita propedeutica al circuito GoingUp di Affari&Sport.

Le incerte condizioni meteo non hanno scoraggiato i concorrenti che si sono dati battaglia sin dai primi metri del 3,5 km di un percorso che li ha portati in cima allo Zucco Angelone per un dislivello positivo di 486 metri.

L'albo d'oro della gara si arricchisce di nomi importanti come quello di Giovanni Dedivitiis che si è imposto tra gli uomini con il tempo di 22.48.7 e di Barbara Sangalli, vincitrice tra le donne in 27.12.0.

angpodiom

Dedivitiis ha preceduto, nell'ordine, Giulio Mascheri (23.07.0), Giovanni Malugani (23.19.0), il fratello minore Nicola (23.39.5) e Luigi Pomoni (23.41.6).

Dietro Barbara Sangalli si sono classificate Debora Benedetti (28.35.2), Simona Fazzini (29.53.0), Rita Bonacina (30.02.4) e Giovanna Cavalli (31.06.1).

anpodiof

Le premiazioni hanno avuto luogo al Palabaster dopo la degustazione del premio gara: una apprezzatissima gigantesca pizzocherata magistralmente preparata dai gestori del Rifugio Tavecchia in collaborazione con i soliti grandi e immancabili volontari introbiesi.

angfin

Grande soddisfazione per l'ottima riuscita della manifestazione è stata espressa dagli organizzatori per voce di Attilio Artusi (che guida il gruppo volontari della Introbio-Biandino) e di Riccardo Benedetti (presidente del CSC Cortenova) che hanno dato appuntamento a tutti al prossimo anno ma, soprattutto, all'edizione 2024 della Introbio-Biandino in programma domenica 30 giugno.

Le classifiche complete: introbiobiandino - Home (weebly.com)

 

Leggi tutto...
Giovedì, 30 Maggio 2024 16:35

INCIDENTE SULLA TACENO - BELLANO

Brutta avventura per l'autista di un lungo furgone stamattina in una delle gallerie tra Taceno e Portone. Per motivi da accertare il veicolo si è rovesciato ed è stato necessario l'intervento dei Vigili del Fuoco per recuperarlo e ripristinare la circolazione.

incbel1

 

Leggi tutto...
Giovedì, 30 Maggio 2024 11:17

PROGRAMMI ELETTORALI ANTITETICI A INTROBIO

Due programmi decisamente antitetici quelli presentati dalle due liste che si confrontano a Introbio, in vista delle elezioni comunali dell'8 e 9 Giugno 2024.
In particolare per quanto riguarda la Scuola, uno dei punti prioritari di entrambe le liste (il programma di ViviAmo Introbio, candidata Sindaco Silvana Piazza, lo trovate completo sulla pagina omonima di Facebook) gli obiettivi sono piuttosto diversi. Per quanto riguarda la Lista ValBiandino, candidato Sindaco ancora Adriano Airoldi (che già un anno fa aveva annunciato la sua volontà di ricandidarsi per la terza volta) l'attuale edificio della Scuola Media è da abbattere, in quanto non corrispondente alle norme antisismiche.

Per questo motivo, poco più di un mese fa, il Comune ha acquistato una casa e il terreno adiacente, in Via Valleggio, di proprietà dei fratelli Magni (nipoti della notissima "Catera") per la somma di 450.000 euro. L'idea è di partecipare a un nuovo bando della Regione Lombardia : due anni fa parteciparono circa 110 progetti, di cui solo una decina ammesse ai finanziamenti . Quello del Comune di Introbio non venne approvato perchè non aveva un terreno di proprietà comunale su cui costruire la nuova scuola Media. IL nuovo progetto quindi prevede l'abbattimento della casa di Via Valleggio, oltre che dell'attuale Scuola Media, e la costruzione, se la Regione finanzierà il progetto (circa 5-6 milioni di euro) di una nuova Scuola.

Diverso invece l'intendimento di ViviAmo Introbio: utilizzare l'Area di Prà Baster (come già aveva suggerito due anni fa il Sindaco di Taceno, Alberto Nogara, anche lui residente a Introbio) per costruirvi, sempre con i finanziamenti regionali, se arriveranno, un Polo scolastico che unisca sia le Medie che le Elementari, per un totale di circa 200-250 alunni, che già adesso sono unite nell'Istituto Comprensivo, naturalmente con una mensa adeguata (che da anni i genitori inutilmente richiedono).
Assegnare invece la casa acquisita in Via Valleggio dal Comune alle Associazioni del paese, dando loro delle stanze utilizzabili, mentre l'attuale Scuola Elementare Cademartori andrebbe alla Cooperativa di assistenza ai disabili "Le Grigne" .

Nel programma vi è anche l'assegnazione di borse di studio agli studenti meritevoli, il Sistema Dote Scuola, una convenzione con l'Asilo nido "Il Pulcino" di Primaluna per dare gratis l'asilo anche ai bambini residenti a Introbio (con convenzioni INPS e regionali) e altro.

Molta attenzione quindi alle Associazioni di volontariato presenti nel paese. Ma anche un grande progetto per quanto riguarda la Torre di Introbio: avuta in eredità dai Padri Comboniani l'anno scorso, dalle precedenti titolari rimaste senza eredi, come è noto, questi l'hanno posta in vendita per circa mezzo milione di euro.
La lista guidata da Silvana Piazza vorrebbe acquisirla per farne un percorso turistico, insieme alle chiese di Santa Caterina e di San Michele .

Un'altra delle iniziative da segnalare, questa molto più fattibile a costi bassi, la costruzione di una "casetta dell'acqua" anche a Introbio (come c'è a Ballabio e in tanti altri Comuni della provincia lecchese) dove rifornirsi con le bottigliette anche portate da casa a costi bassissimi.
Uno spazio per "area cani" , colonnine per la ricarica delle auto elettriche, e tanti altri servizi alle persone.

Per quanto riguarda la Lista ValBiandino invece si continuerà nel progetto della "Casa di Comunità", in convenzione con l'ATS Brianza, anche se le esperienze degli ultimi anni hanno ridimensionato le speranze, data soprattutto la scarsità di medici e di infermieri che potrebbero essere messi a disposizione, per cui o verrebbe data in utilizzazione per i medici privati (alle loro tariffe) oppure, come si pensava all'inizio, si spererebbe di contare sul volontariato (compresi i medici di base, eventualità questa però poco apprezzata dall'Associazione Medici di base).

Insomma: progetti piuttosto diversi, su cui i cittadini di Introbio saranno chiamati ad esprimersi Sabato 8 e Domenica 9 Giugno !

Enrico Baroncelli

Leggi tutto...
Giovedì, 30 Maggio 2024 08:26

IL RAPPORTO TRA UOMINI E CANI

Informazioni molto utili e importanti soprattutto per i neo proprietari di cani, ma anche per chi di cani è già esperto, sono state fornite mercoledi pomeriggio dalle due veterinarie Elisabetta Mariani e Rosa Gorio, in un incontro tenutosi per l'Università della Terza Età in Comunità Montana a Barzio.

"Attenzione ai segnali di disagio che i cani possono trasmettere - raccomandano le due dottoresse - che a volte possono sfociare sì in atteggiamenti aggressivi e persino pericolosi. Un cane non è mai aggressivo se si trova a suo agio, se si sente ben accolto con un suo ruolo specifico in famiglia. Per esempio prendersi un cane e lasciarlo subito in casa tutto il giorno da solo non è una buona idea : molte volte si mette ad abbaiare per la solitudine, con grave irritazione dei vicini ! Soprattutto all'inizio bisogna prendersi del tempo per una reciproca conoscenza, e stare con lui il più possibile.
Il cane è un animale sociale, come noi uomini, ha bisogno di compagnia. Il rapporto tra uomini e cani è antichissimo: risale circa a 45.000 anni fa, quando i cani vennero "adottati" dagli uomini sia per difendere le loro case che per difendere greggi e animali".

"Scegliere di prendersi un cane - e noi siamo chiamate spesso ad aiutare in questa scelta - è una bella responsabilità. Bisogna garantire le condizioni adatte a lui e al suo padrone. Per esempio scegliere un cane da pastore, un "cane da villaggio", abituato a correre per larghi spazi in campagna o in montagna, e lasciarlo sempre chiuso in un appartamento cittadino non è una buona idea.
Le nostre città sicuramente non sono adatte alla vita dei cani: una volta questi scorrazzavano per i cortili delle fattorie, in condizioni di libertà, pur sapendo benissimo quali erano i loro padroni."

"Un cane può dare molto , soprattutto agli anziani (non a caso si parla di Pet Terapy) è un affetto e una sicurezza. E non è vero che occorre prendere un cane giovane, che spesso è irruente, corre molto e morde oggetti perchè deve assimilare con la bocca ciò che gli sta intorno, in una sorta di "esplorazione orale" che dura fin quasi ai tre anni. Spesso invece è proprio vero il contrario: un cane anziano, con una sua storia e una sua maturazione alle spalle, si adatta al nuovo padrone, cammina tranqulalmente con lui, non "strappa", è più tranquillo e abitudinario, è insomma una ottima compagnia per le persone anziane", in un situazione di perfetto "allineamento" (cane anziano padrone anziano)".

"Il cane quasi sempre capisce i nostri gesti e persino le nostre parole: un cane che non ascolta è un cane che non è ascoltato."

Le dottoresse hanno poi fatto vedere dei brevi filmati sui comportamenti dei cani tra di loro, per evidenziare segnali di fastidio, di comunicazione con i gesti, di reciprocità.
Nonostante tutto c'è ancora un 80 % dei cani nel mondo che sono "vaganti" (termine più preciso che non "randagi"). Questi non sono pericolosi nè aggressivi, sviluppano delle dinamiche loro interne.

Ultima annotazione: mai lasciare i cani da soli con i bambini. Possono infatti diventare aggressivi in conseguenza di qualche atto espresso inconsapevolmente dai bambini, come toccarli in modo per loro fastidioso, fare dei gesti che possono essere irritanti (per esempio le dita negli occhi) o interpretati male.

Insomma , un pomeriggio molto interessante che ha lasciato molto soddisfatti i soci che vi hanno partecipato: molte di queste nozioni sono poco note , e il lavoro delle due dottoresse è sicuramente meritorio !

Enrico Baroncelli

Leggi tutto...
Mercoledì, 29 Maggio 2024 16:32

AZIONE LECCO “LA BELLEZZA DI FARE POLITICA, SCENDERE IN PIAZZA E PRENDERE A CUORE I PROBLEMI DELLE PERSONE”

Lo scorso finesettimana la sezione provinciale di Azione, partito guidato da Carlo Calenda, è scesa in piazza da Introbio (cui si riferisce la foto di copertina) a Lierna, passando per Bellano, per parlare di Unione Europea a cittadini, turisti e amministratori locali.

L’occasione è stata ottima non solo per sensibilizzare i passanti sull’importanza del voto per le europee del prossimo 8-9 giugno, ma, soprattutto, per ascoltare le storie, le preoccupazioni e il malumore delle tante persone incontrate.

“Nella società in cui viviamo ci stiamo dimenticando della dimensione umana, qui ed ora, delle relazioni con le persone; eppure, l’incontro con gli altri è il sale della terra” scrive Eleonora Lavelli, segretario provinciale di Azione Lecco “Sì, il sale della terra; il punto da cui partire per costruire un mondo migliore o anche solo più felice. Se i problemi del mio vicino mi sono indifferenti e se non ci parliamo l’un l’altro, ci priviamo di una ricchezza incredibile. Questo è quello che ho capito dagli incontri avuti nelle piazze della nostra (bellissima!) Provincia e per questo è facile sperimentare quanto sia bello, alto e nobile fare Politica”.

Fondamentale la presenza di Maria Pia Abbracchio, Professoressa Ordinaria e Vicerettrice con delega a ricerca e innovazione presso l’Università degli Studi di Milano e candidata alle europee per Azione, che ha risposto alle domande e alle curiosità manifestate dai cittadini, circa la sua scelta (in controtendenza) di credere nella buona Politica e candidarsi con Azione.

“Un grazie sentito da tutto il Direttivo Lecchese di Azione alle persone che hanno condiviso con noi, in piazza, un momento bello insieme o anche solo un sorriso e una parola gentile. Dar voce e risposte ai vostri problemi è la ragione della nostra Azione”, conclude Lavelli.

Leggi tutto...
Mercoledì, 29 Maggio 2024 15:24

CIRCUITO NAZIONALE DOWNHILL: L'INTROBIESE MARTINA FUMAGALLI SI IMPONE NELLA CATEGORIA MASTER

in Sport

Primo appuntamento con il Downhill italiano a Caldirola, località in Alta Val Curone, in provincia di Alessandria, che non ha bisogno di presentazioni. La pista Charlie Race è di nuovo la prescelta per lo svolgimento della gara, quest’anno con una variazione inedita nella parte finale che, complici le precipitazioni incessanti, hanno reso il tipico terreno argilloso, le radici e le rocce particolarmente insidiose. 

Il Team Honda DownhillHer Scott si presenta al gran completo, compresa la due volte Campionessa del Mondo Tiziana Finocchio, rientrata dall’Australia nella notte del venerdì, proprio per il debutto in Coppa Italia. Per la prima volta nella nuova divisa di campionessa del Mondo Master, Tiziana, nel tentativo di provare il ritmo gara durante le prove libere del sabato, cade rovinosamente in un tratto veloce. Immediatamente soccorsa viene portata in ospedale dove le viene diagnosticata la frattura scomposta del dito mignolo della mano destra. Dovrà ritirarsi dalla gara. 

La scarsa visibilità e l’infortunio occorso a Tiziana, portano Martina Fumagalli a “tirare i freni” in qualifica per conquistare comunque un’ottima seconda posizione e raccogliere così punti buoni in vista dell’obiettivo finale. Domenica la situazione del terreno cambia, e cambia anche la mentalità della Campionessa di Introbio. Con la grinta e sfrontatezza che la distinguono, si prende di forza la vittoria in gara, infliggendo distacchi abissali alle avversarie e ribadendo nuovamente che è lei la regina della categoria Master. 

Con il terzo posto conquistato nella giornata di Sabato, Sofia Priori Viale parte carica la Domenica mattina con tutta la determinazione per cercare le migliori linee sul tracciato ed abbassare i secondi necessari alla conquista del più alto gradino del podio. Una brutta caduta nelle prove libere le fa perdere un po’ di fiducia, ma nonostante qualche acciacco fisico, con grande tenacia prende il via e, stringendo i denti ottiene il secondo tempo assoluto femminile, a solo mezzo secondo dalla vittoria.

Una caparbia Lisa Gava affronta la prima gara di downhill in una pista davvero al limite del praticabile. Sabato si “tuffa” giù per la Charlie Race con la tipica grinta di Lisa, ma scivola a pochi metri dal traguardo collezionando un nono posto che non le rende assolutamente merito. Con un cambio di mentalità per la finale di domenica, l’atleta veneta dosa meglio le sue capacità, con una discesa più controllata che la porta sul terzo gradino del podio dimostrando di essere tornata ai livelli dello scorso anno, ma con tanta, tanta voglia di dimostrare il suo valore.

DOWHER

BEATRICE GREPPI, Team Manager: “Una gara difficile e caratterizzata dai continui cambi di clima e di terreno. Le ragazze sono riuscite ad interpretare al meglio questa variabilità e risultati non mentono! Il Team Honda Downhillher Scott dimostra ancora una volta di essere il riferimento, piazzando sul podio 3 delle 4 atlete in gara. Nella categoria élite Sofia e Lisa se la giocano alla pari con le atlete di Coppa Del Mondo. Peccato per l’infortunio di Tiziana alla prima uscita con la divisa mondiale, ma di certo non sarà questo ostacolo a fermarla!” 

MARTINA FUMAGALLI: “Sono contentissima per la vittoria in gara, un primo posto non del tutto scontato. Le avversarie sono sempre più veloci ed io sono ancora reduce dall’infortunio alla caviglia patito due weekend fa in allenamento. Grazie al mio fisioterapista, Mattia Secomandi, siamo riusciti a fare il miracolo e a portare a casa questo prezioso risultato che, aggiunto al secondo posto di sabato, mi fa balzare in testa alla classifica generale di Coppa!”

Leggi tutto...
Mercoledì, 29 Maggio 2024 15:17

LA SCOMPARSA DI DON FERDINANDO MAZZOLENI

È salito alla Casa del Padre don Ferdinando Mazzoleni a 84 anni. È spirato nella notte tra martedì e mercoledì all'ospedale Manzoni di Lecco dove si trovava ricoverato da alcuni giorni. Don Mazzoleni nacque a Lecco nel 1940 e iniziò il suo cammino di fede alla giovane età di 5 anni come chierichetto presso la parrocchia di Pasturo, dove ha celebrato anche la sua prima Messa da sacerdote nel lontano 1964 e dove è rimasto in questi anni, a partire dal 2016.

Leggi tutto...
Mercoledì, 29 Maggio 2024 15:10

PRIMALUNA: OGGI E DOMANI SI ASFALTA LA VIA FREGERA A CORTABBIO

Nell’ambito della messa in sicurezza del territorio, la Giunta comunale ha approvato e finanziato il rifacimento degli asfalti di tutta via Fregera e di parte di via Portorella e via Merla a Cortabbio. Costo totale dell’intervento: circa 70.000 euro.
Quest’anno - precisa il Sindaco Mauro Artusi - abbiamo ritenuto di investire importanti risorse su queste strade che oggettivamente versano in cattive situazioni. Purtroppo si tratta di viabilità spesso esposta al passaggio di carichi pesanti e a rigide condizioni meteo invernali con la necessità di spargere ingenti quantità di sale che inevitabilmente portano ad avere rapidi deterioramenti.
I lavori sono iniziati già oggi 29 maggio e avranno una durata massima di 2 gg. Sarà inevitabile qualche disagio per gli utenti.
Leggi tutto...
Mercoledì, 29 Maggio 2024 06:52

DOMENICA TORNEO DI RUGBY A LECCO

in Sport

14° TORNEO “CITTÀ DI LECCO”, UN’OCCASIONE PER SCOPRIRE ED AVVICINARSI AL RUGBY.

Il prossimo 2 giugno, presso il Centro Sportivo del Bione a Lecco, si terrà un importante evento nazionale per scoprire ed avvicinarsi al mondo del rugby.
Si tratta del 14° Torneo “CITTA DI LECCO” che vedrà la partecipazione di 12 squadre a livello giovanile dalla Under 6 alla Under 12 e che vedranno coinvolte tutte le categorie, con incontri e trofei di assoluto valore E’ una grande occasione per incentivare l’approccio a questo fantastico e coinvolgente sport.
Si è potuto organizzare l’evento grazie al notevole impegno e contributo organizzativo profuso dal Rugby Lecco, all’aiuto essenziale che danno i genitori della scuola rugby, ai numerosi atleti delle altre categorie ed all’importante sostegno di tutti i nostri sponsor che, come sempre, ci sostengono durante tutta la stagione sportiva e questi eventi rivolti alla scuola rugby.
Il programma inizierà alle 9,30 con le partite dei gironi e proseguirà per tutta la mattinata. Nel primo pomeriggio, dalle ore 14.30, sul campo centrale, si giocheranno le finali per le prime quattro posizioni di ogni categoria.
Oltre alle classiche premiazioni per le prime tre classificate di ogni categoria sono previsti i seguenti premi:
-Memorial “Achille Locatelli “Kid of the match” ovvero il miglior atleta in campo nella partita della finale;
-6° Memorial “Paolo Boazzo” alla migliore società classificata;
-Targa “OSO” al miglior allenatore/educatore del torneo.

 

A.S.D. RUGBY LECCO 1975 IL PRESIDENTE
#hicsuntleones Carlo Redaelli

 

Leggi tutto...
Pagina 1 di 12